Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 498 - Grotta dei Tesori

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta dei Tesori
Nome principale sloveno
Numero catasto 498
Numero catasto storico 1756VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5062469,1
Longitudine Gauss-Boaga 2427285,2
Latitudine WGS-84 45° 42' 33,6946" (45,70935961)
Longitudine WGS-84 13° 48' 31,5911" (13,80877531)
Latitudine UTM WGS-84 5062446,2
Longitudine UTM WGS-84 407279,1
Quota ingresso 312
Data esecuzione posizione 30-12-2007
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Mikolic Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 5.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 3.8
Dislivello totale 3.8
Quota fondo 308.2
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità All'epoca della prima esplorazione, avvenuta nel 1897, questa cavità aveva ben maggiori proporzioni, ma, in seguito, lo scarico di massi e detriti provenienti da assaggi di cava ne ha ridotto considerevolmente le dimensioni. Il nome, alquanto singolare, è dovuto a degli scavi che i contadini avevano notato all'interno della grotta e che avevano attribuito a cercatori di tesori.
Le pareti sono coperte da massicce concrezioni e alcuni pipistrelli trovano rifugio negli anfratti della volta.
Il numero 2929 con cui questa cavità un tempo è stata catastata deve ritenersi annullato.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-12-1897