Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4953 - Grotta del Motorino

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta del Motorino
Nome principale sloveno
Numero catasto 4953
Numero catasto storico 5683VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110051 - Sgonico
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5064755,8
Longitudine Gauss-Boaga 2421422,9
Latitudine WGS-84 45° 43' 44,8603" (45,72912785)
Longitudine WGS-84 13° 43' 58,8544" (13,73301512)
Latitudine UTM WGS-84 5064733,0
Longitudine UTM WGS-84 401417,0
Quota ingresso 232
Data esecuzione posizione 14-02-2015
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 060 x 070
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 18
Autore posizione Rupini Luciano
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 14
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 41
Dislivello totale 41
Quota fondo 191
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si prende la strada Gabrovizza-Sgonico e, oltrepassato di trenta metri il cavalcavia ferroviario, si prende un piccolo sentiero che si dirama in direzione NW. Dopo circa 50m, sulla sinistra, all'inizio di una leggera depressione, s'apre l'ingresso della cavità. Questo, attualmente, è ostruito da un telaio di un motorino rubato.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo d'ingresso, profondo 18m, inizialmente è piuttosto stretto mentre verso il fondo si allarga dando adito ad una saletta caratterizzata da evidenti tracce di ringiovanimento. Sul fondo le acque di percolazione, particolarmente aggressive, hanno scavato una serie di pozzi poco profondi che terminano in mezzo a lame e quinte di roccia in parte crollate, le quali ostruiscono i vani sottostanti di dimensioni ridotte.
A tre metri dal fondo, una piccola finestra permette di accedere ad una serie di salti paralleli l'ultimo dei quali conduce alla massima profondità in un ambiente in totale erosione.
Sul fondo, dove le dimensioni sono molto ridotte e lo stillicidio è abbondante, soffia un'aria fredda ed insistente.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 01-05-1991
Foto
Data dello scatto: 14-02-2015

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Premiani Furio

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Data dello scatto: 14-02-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Premiani Furio

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Data dello scatto: 14-02-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Premiani Furio

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto