Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 491 - Caverna 2° sulla Strada Napoleonica

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna 2° sulla Strada Napoleonica
Nome principale sloveno
Numero catasto 491
Numero catasto storico 1225VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110091 - Cedas
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5061320,0
Longitudine Gauss-Boaga 2421995,0
Latitudine WGS-84 45° 41' 53,8505" (45,69829181)
Longitudine WGS-84 13° 44' 27,8126" (13,74105905)
Latitudine UTM WGS-84 5061297,2
Longitudine UTM WGS-84 401989,0
Quota ingresso 269
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione 1° gruppo riposizionamento regionale su CTR 1:5000 (1999)
Stato ingresso Ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Premiani Furio
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 41.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 9.5
Dislivello negativo
Dislivello totale 9.5
Quota fondo 269
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Percorrendo la strada che da Prosecco conduce alla Vedetta Italia ci si ferma sulla destra, nella prima piazzola. Da qui si deve imboccare un sentiero ben marcato che porta sul ciglione sopra il Cedas. Ad una cinquantina di metri dalla partenza volgendo sulla sinistra del sentiero, inoltrandosi nel folto della vegetazione si incontrano i due ingressi, uno dei quali proprio sul ciglione carsico.
Descrizione dei vani interni della cavità Nella grotta, usata durante la prima guerra mondiale come osservatorio, ci sono ancora tracce di adattamenti effettuati allora dagli austriaci.
Nel 1988, in mezzo ad una notevole quantità di detriti, sono state scoperte due prosecuzioni: quella del ramo Est dà adito ad una serie di ambienti stretti e tutti concrezionati da colate calcitiche. Oltrepassando la strettoia (punto 9 nella pianta del rilievo), si giunge in una cameretta, con il fondo argilloso, le pareti ricoperte da formazioni coralloidi e sovrastata da un angusto camino dal quale pendono alcune radici. Il ramo Ovest, inizialmente concrezionato, finisce in una strettoia che scende per quattro metri e si esaurisce in uno scomodo cunicolo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 26-09-1988
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Descrizione inquadratura: Ingresso principale.
Tipo inquadratura: Ingresso

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Descrizione inquadratura: Secondo ingresso.
Tipo inquadratura: Esterno

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino