Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4904 - Abisso Chaka Paka

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Chaka Paka
Nome principale sloveno
Numero catasto 4904
Numero catasto storico 5634VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110051 - Sgonico
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5064976,0
Longitudine Gauss-Boaga 2422272,0
Latitudine WGS-84 45° 43' 52,4257" (45,73122935)
Longitudine WGS-84 13° 44' 37,968" (13,74387999)
Latitudine UTM WGS-84 5064953,1
Longitudine UTM WGS-84 402266,0
Quota ingresso 262
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 23
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 34
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 85
Dislivello totale 85
Quota fondo 177
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso Si
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si prende la strada Sgonico - Gabrovizza e arrivati sotto la seconda linea dell'alta tensione la si segue in direzione SE. Oltrepassato il primo traliccio, bisogna superare cinque muretti a secco e quindi piegare a destra di 90° e percorrere circa 55 m. L'ingresso si apre ai margini di una leggera depressione del terreno, a circa 125 m in direzione WNW dal traliccio.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità s'apre con un P26,20 caratterizzato, nel primo tratto, da una scomoda strettoia. A circa 10m di profondità una fessura in parete comunica, più in basso, con il pozzo stesso. Poco più sotto vi sono tre ponti naturali ed un comodo terrazzo (punto 2 del rilievo).
La base è occupata da terra e pietre.

AGGIORNAMENTO RILIEVO DEL 22/08/2006 CGEB:
Si tratta di una cavità ad andamento verticale. La cavità presenta un pozzo di accesso profondo 23 m, molto eroso e privo di concrezioni. A 3 m dal fondo dello stesso un'ampia finestra immette ad un pozzo parallelo di 4 m, alla base di esso un cunicolo lungo 2 m sprofonda (punto 2) sul pozzo di 13 m. Sul punto 3 del rilievo ci sono alcune piccole diramazioni che non proseguono. La base del pozzo di 13 m è caratterizzata da grossi blocchi di frana e da alcune diramazioni. Nel punto A un pozzo di 5 m chiude in concrezione e nel punto 4 due camini terminano in fessure impraticabili. Tra i blocchi di frana del pozzo di 13 m si apre il pozzo più profondo della cavità, che misura 44 m ed è molto ampio. Alla base continua un ulteriore pozzo di 5 m (punto 7), dove si raggiunge la massima profondità della cavità, ovvero meno 85 m. A 10 m dalla partenza del pozzo di 44 m un'ampia finestra porta all'ingresso di una galleria lunga 8 m (punto 5). Da essa lateralmente sprofondano due pozzi in successione profondi 13 m e 15 m. L'ultimo, che costituisce il secondo fondo della grotta, è molto stretto e impraticabile e chiude alla base in blocchi di frana.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 22-08-2006