Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4900 - Caverna a NW dell'Alexanderhoehle

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna a NW dell'Alexanderhoehle
Nome principale sloveno
Numero catasto 4900
Numero catasto storico 5630VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 109044 - San Giovanni al Timavo
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5070686,0
Longitudine Gauss-Boaga 2412097,0
Latitudine WGS-84 45° 46' 51,9481" (45,78109669)
Longitudine WGS-84 13° 36' 42,7433" (13,61187314)
Latitudine UTM WGS-84 5070663,2
Longitudine UTM WGS-84 392091,3
Quota ingresso 190
Data esecuzione posizione 14-02-2015
Affidabilità posizione 2° gruppo riposizionamento regionale GPS (2000)
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1.4x1m
Tipo ingresso Caverna
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Manzoni Marco
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 11
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 2.5
Dislivello totale 2.5
Quota fondo 187.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Uno sprofondamento nel terreno cela i due ingressi (di cui soltanto quello più occidentale è agibile) della cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità Un breve cono detritico, in parte sistemato a formare un rozzo muricciolo, conduce in una caverna non molto ampia, asciutta e dal suolo pianeggiante, forse livellato ai tempi della Prima Guerra Mondiale. Sul lato S, alla destra di una tozza colonna, s'apre un basso passaggio che permette di proseguire ancora per qualche metro fra i sassi del fondo e la volta leggermente concrezionata. Poi gli ambienti si fanno troppo stretti ed è impossibile proseguire. Sul lato E, un vano in leggera salita, che prosegue con dimensioni molto ridotte, si mette in comunicazione, con un passaggio, con lo sprofondamento di cui sopra.

AMBIENTE VEGETAZIONALE
All'imbocco della cavernetta si può notare un'abbondanza di rigoglioso Asplenium trichomonas. Presso le pareti artificiali delle vicine caverne di guerra esistono alcune stazioni di Asplenium Adianthum-nigrum, felce che, assente nella zona carsica sud-orientale, è presente (ma non molto frequente) in alcune zone della boscaglia del Carso Nord Occidentale ed in alcune cavità esistenti in tale territorio (ad esempio in quelle del Monte Ermada, del Monte Cocco e della zona circostante Ceroglie e Malchina).
Rilievo Completo - Effettuato in data: 03-03-1991
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso

Data dello scatto: 14-02-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: De Palo Gianni

Gruppo di appartenenza: FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar

Data dello scatto: 14-02-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: De Palo Gianni

Gruppo di appartenenza: FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino