Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4887 - Baratro sotto il Piccolo Lanaro

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Baratro sotto il Piccolo Lanaro
Nome principale sloveno
Numero catasto 4887
Numero catasto storico 5617VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110064 - Rupinpiccolo
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5064913,0
Longitudine Gauss-Boaga 2425561,0
Latitudine WGS-84 45° 43' 52,0278" (45,73111883)
Longitudine WGS-84 13° 47' 10,1525" (13,78615348)
Latitudine UTM WGS-84 5064890,1
Longitudine UTM WGS-84 405555,0
Quota ingresso 427
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 10
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 10.5
Dislivello totale 10.5
Quota fondo 416.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dal bivio di quota 386 si prosegue lungo la carrareccia di sinistra, procedendo verso W per circa 270m. Giunti a quota 425,7 della CTR, si risale a destra per una ventina di metri sino ad arrivare sul bordo meridionale del baratro che, foglie permettendo, è visibile dalla carrareccia.
L'ingresso s'apre lungo un asse NE-SW, a venti passi dal sentiero che porta al Piccolo Lanaro.
Descrizione dei vani interni della cavità Generalmente si scende nella grotta seguendo la parete E, scoscesa e a grandi gradoni e, giunti sul fondo, si procede lungo un cono detritico che presenta i resti di un muretto a secco. Nella parte più profonda la cavità pare proseguire ancora tra massi e parete, sotto un riparo umido e muscoso.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 28-10-1990