Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 487 - Pozzo sulle falde meridionali del Monte Cocusso

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo sulle falde meridionali del Monte Cocusso
Nome principale sloveno
Numero catasto 487
Numero catasto storico 1148VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune San Dorligo della Valle / Dolina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110151 - Grozzana
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5054223,4
Longitudine Gauss-Boaga 2434226,8
Latitudine WGS-84 45° 38' 9,7817" (45,63605048)
Longitudine WGS-84 13° 53' 57,8115" (13,89939209)
Latitudine UTM WGS-84 5054200,5
Longitudine UTM WGS-84 414220,5
Quota ingresso 536
Data esecuzione posizione 07-03-2000
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,8m x 0,5m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 26
Autore posizione Sgambati Alessandro
Gruppo appartenenza ISP FOR - Ispettorato Ripartimentale Foreste
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 7.3
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 26
Dislivello totale 26
Quota fondo 510
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Sul versante del Monte Cocusso che digrada verso la strada Pese-Grozzana marcati solchi incidono il fianco del monte, messi ancor più in evidenza da una folta vegetazione, mentre il resto della zona si presenta quanto mai brullo: presso il bordo orientale di uno di questi canali si trova l'imbocco del pozzo.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo, già segnalato dal Colonnello Italo Gariboldi che lo stimava profondo 20m, fu rintracciato appena nel 1959, probabilmente per le ridotte dimensioni dell'ingresso, che era quasi invisibile a causa di un masso postovi dai contadini.
Il pozzo ha una forma molto regolare e le pareti, riccamente concrezionate, cadono verticali verso il fondo, costituito da una piatta massa detritica.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 17-10-1959