Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4847 - Fessura sul Rio Zabosniach

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Fessura sul Rio Zabosniach
Nome principale sloveno
Numero catasto 4847
Numero catasto storico 2715FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Pulfero
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067022 - Pulfero
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5112485,0
Longitudine Gauss-Boaga 2401610,0
Latitudine WGS-84 46° 9' 19,6098" (46,15544716)
Longitudine WGS-84 13° 28' 0,0587" (13,46668298)
Latitudine UTM WGS-84 5112461,7
Longitudine UTM WGS-84 381605,2
Quota ingresso 536
Data esecuzione posizione 08-01-2009
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 2,2m x 2,1m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 13
Autore posizione Bosco Fabrizio
Gruppo appartenenza GS VALLI - Gruppo Speleologico Valli del Natisone
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 18
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 16.2
Dislivello totale 16.2
Quota fondo 519.8
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Oltrepassato il paese di Antro, 600m dopo il bivio per Coliessa, seguendo la strada per Pegliano, s'incontra, sulla sinistra, la traccia di una mulattiera. La si segue oltrepassando una zona di rimboschimento e, dopo un tornante, si continua lungo la traccia di sentiero che prosegue perpendicolare alle isoipse, in salita. Quando si giunge ad una piccola radura, la si supera e poi si segue una traccia di sentiero che si diparte sulla sinistra (verso W). Dopo un centinaio di metri si giunge ad uno dei numerosi solchi di torrenti che scendono da NW terminando il loro percorso a SE nel letto del Rio Zabosniach. L'ampio ingresso della grotta, di forma ellittica, si apre nel letto del torrente, misura 2,2x1,2metri e taglia trasversalmente il percorso del torrente.
La fitta vegetazione presente nell'area e l'assenza di sentieri nel raggio di alcune centinaia di metri consigliano l'uso del GPS per il ritrovamento della cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità Poco oltre l'ingresso si incontra, sulla parete di SW, un'ampia nicchia, mentre poco più in basso, sulla parete NW si apre un breve e stretto cunicolo da cui penetra l'acqua nei periodi di massima piovosità. Ia base del pozzo è formato da materiale detritico. La fessura in direzione W termina con una angusta stanzetta, mentre in direzione E il cono detritico scende sino ad intercettare un piccolo corso d'acqua sempre attivo. Il meandro in cui transita l'acqua risulta molto stretto e le pareti di calcare marnoso, sono profondamente erose e costellate da lame e spuntoni rocciosi. Sia verso monte che verso valle, è possibile seguire il corso dell'acqua solo per pochi metri, poi le dimensioni della condotta diventano troppo strette per consentire il transito. Nella condotta verso valle, si percepisce una cospicua ventilazione. Nella grotta sono presenti alcune piccole colate calcitiche attive
Rilievo Completo - 1:100 - Effettuato in data: 09-04-2008
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso