Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4801 - Grotta dei Dieci Cubi

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta dei Dieci Cubi
Nome principale sloveno
Numero catasto 4801
Numero catasto storico 5601VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110051 - Sgonico
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5065297,8
Longitudine Gauss-Boaga 2420497,9
Latitudine WGS-84 45° 44' 1,9405" (45,73387236)
Longitudine WGS-84 13° 43' 15,6666" (13,7210185)
Latitudine UTM WGS-84 5065275,0
Longitudine UTM WGS-84 400492,0
Quota ingresso 218
Data esecuzione posizione 31-03-2016
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0.90x0.60 m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 9.5
Autore posizione Gherlizza Franco
Gruppo appartenenza CAT - Club Alpinistico Triestino
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 26
Dislivello totale 26
Quota fondo 192
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità s'apre sul bordo settentrionale di una dolina poco profonda sita non lontano da un prato in cui, al tempo della scoperta, c'era un container azzurro semi sfasciato. Un grosso muro di contenimento, eretto con il pietrame proveniente dallo scavo, occupa il fianco della dolina e circonda l'ingresso della cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità Dalla base del pozzo d'accesso, interamente scavato, s'aprono due ambienti: quello occidentale, occluso da pietrame, lascia passare piccole pietre che talvolta cadono nel pozzo interno, quello orientale, invece, immette nel P16. Questo, inizialmente è piuttosto stretto, poi s'allarga leggermente per tornare a stringersi verso il fondo. Qui, un pertugio dal quale spira una discreta corrente d'aria, largo pochi decimetri, dà accesso ad un salto sondato per circa 4m.

NOTA
La cavità s'apre vicino ad una serie di fessure segnate GSSG; la CGEB vi ha dedicato parecchie giornate di lavoro in quanto le misure termometriche eseguite da Elio Polli hanno evidenziato la presenza di una corrente d'aria calda simile a quella segnalata all'imbocco della Grotta del Maestro (4168\5300VG) e della Soffiante di Rupinpiccolo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 13-05-1990
Foto
Data dello scatto: 31-03-2016

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Podgornik Ferruccio

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Data dello scatto: 31-03-2016

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Podgornik Ferruccio

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino