Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4783 - Baratro presso S. Lorenzo

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Baratro presso S. Lorenzo
Nome principale sloveno
Numero catasto 4783
Numero catasto storico 5583VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110154 - Basovizza
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5054602,0
Longitudine Gauss-Boaga 2432217,0
Latitudine WGS-84 45° 38' 21,1434" (45,63920649)
Longitudine WGS-84 13° 52' 24,7521" (13,87354225)
Latitudine UTM WGS-84 5054579,2
Longitudine UTM WGS-84 412210,7
Quota ingresso 400
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 28
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 8
Dislivello totale 8
Quota fondo 392
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità Voragine impostata su di una frattura che si sviluppa in direzione NW-SE nella quale si può scendere dal versante meridionale caratterizzato da una serie di gradoni, derivati dallo sporgere di banconate calcaree, ricoperte da humus. Sul fondo sono state scavate (dalla TODT durante gli ultimi anni del Secondo conflitto mondiale) due gallerie che chiudono dopo pochi metri (punti 1-2 e 5-6-7 del rilievo). All'inizio della galleria minore (punto 2 del rilievo) c'è un accenno di prosecuzione intasato da materiale di scavo.

NOTA
Il baratro ospita, sorprendentemente, la DRYOPTERIS dilatata (Hoffm) A.Gray, una felce della famiglia delle Aspidiaceae, che risulta estremamente rara sul Carso Triestino e che finora è stata rinvenuta soltanto in un'altra cavità (Fovea del Masso 1204VG).
Questa felce, in buone condizioni vegetative, occupa il versante SSE ed è localizzata in due siti poco distanti tra loro. Emerge da quasi un continuo e spesso strato formato prevalentemente da foglie aghiformi di Pino Nero. Il primo nucleo è situato a 5m di profondità e a 11m dal margine superiore della china. Il secondo, più ridotto, è posto a 7m di profondità e dopo 16m scendendo la china del baratro, quasi alla fine della stessa. Le fronde appaiono vigorose (90cm di lunghezza). La presenza di Dryopteris dilatata è dovuta al fatto singolare che il substrato e le condizioni topo e microclimatiche, determinatesi nel sito, risultano quelle dell'habitat primario (boschi di conifere a quote prealpine ed alpine).
In questa cavità sono state trovate anche altre specie tra cui la felce maschio, l'asplenio e la ruta di muro.

NOTA SULLA POSIZIONE DEL 24/08/2006:
La posizione è sbagliata. La grotta si trova più a Sud nella pineta tra S. Lorenzo e Draga
Rilievo Completo - Effettuato in data: 24-12-1989