Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4763 - Buco 2° presso Casera Montelonga

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Buco 2° presso Casera Montelonga
Nome principale sloveno
Numero catasto 4763
Numero catasto storico 2674FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Barcis
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 064032 - Monte San Lorenzo
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5114772,0
Longitudine Gauss-Boaga 2332528,0
Latitudine WGS-84 46° 9' 37,9015" (46,1605282)
Longitudine WGS-84 12° 34' 18,4275" (12,57178541)
Latitudine UTM WGS-84 5114749,8
Longitudine UTM WGS-84 312524,4
Quota ingresso 1358
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 8
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 18
Dislivello totale 18
Quota fondo 1340
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Da Monte Reale Val Cellina s'imbocca la strada che porta al Monte Spia. Quando finisce l'asfalto si prosegue per la strada bianca fino dove questa termina. Da qui si prende il sentiero che porta a Casera Rupeit, si continua verso la Forcella Giais e da qui si prosegue verso Casera Monte Longa. Quando si arriva a vedere la Casera Monte Longa, si lascia il sentiero e ci si dirige verso E per circa 200m. In questo modo si giunge in cima ad una collinetta dove si nota una piccola depressione del terreno con scarsa vegetazione. Da qui si può facilmente individuare l'ingresso dell'inghiottitoio.
Descrizione dei vani interni della cavità Dalla base del pozzo d'accesso si diparte uno stretto meandro che porta all'imbocco del pozzo interno (P22,5).
Rilievo Completo - Effettuato in data: 25-09-1988