Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 474 - Grotta a NE di S. Croce

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta a NE di S. Croce
Nome principale sloveno
Numero catasto 474
Numero catasto storico 1094VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110054 - Santa Croce di Trieste
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5066891,8
Longitudine Gauss-Boaga 2419218,9
Latitudine WGS-84 45° 44' 52,9114" (45,74803095)
Longitudine WGS-84 13° 42' 15,3074" (13,70425205)
Latitudine UTM WGS-84 5066869,0
Longitudine UTM WGS-84 399213,0
Quota ingresso 205
Data esecuzione posizione 12-04-2015
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 4 x 5 m
Tipo ingresso Caverna
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Perini Luciano
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 13.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 5.5
Dislivello totale 5.5
Quota fondo 199.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso I due ingressi di questa piccola caverna si aprono a poca distanza dalla Caverna Moser (476/1096VG) e di essi soltanto quello settentrionale è transitabile, mentre l'altro è costituito da un angusto cunicolo ingombro di massi.
Il portale della caverna è ampio 4m x 5m e da adito ad una minuscola caverna sul fondo della quale, in una nicchia, tra piccole concrezioni, si nota un possibile proseguimento. La parte più interessante della grotta è accessibile attraverso un foro, che si apre nel pavimento di crostello calcitico, superato il quale si scende lungo una ripida china di detriti grossolani sopra la quale il soffitto rimane sempre molto basso. Toccato il fondo del pendio, le pietre lasciano luogo ad un pavimento piano costituito da uno spesso strato di terra e proseguendo, strisciando in un vano bassissimo, si arriva a qualche metro dall'altro ingresso, dove la volta si abbassa a tal punto da rendere impossibile l'avanzata.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 05-03-1958
Foto
Data dello scatto: 12-04-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Perini Luciano

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Descrizione inquadratura: ingresso e targhetta
Data dello scatto: 12-04-2015

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Perini Luciano

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Descrizione inquadratura: ingresso e dintorni
Data dello scatto: 12-04-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Perini Luciano

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Descrizione inquadratura: targhetta