Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4718 - Pozzo dell'Obelisco

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo dell'Obelisco
Nome principale sloveno
Numero catasto 4718
Numero catasto storico 5549VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110104 - Barcola
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5058958,0
Longitudine Gauss-Boaga 2425577,0
Latitudine WGS-84 45° 40' 39,1228" (45,67753412)
Longitudine WGS-84 13° 47' 15,0611" (13,78751696)
Latitudine UTM WGS-84 5058935,2
Longitudine UTM WGS-84 405570,9
Quota ingresso 360
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 7.5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 3.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 14.5
Dislivello totale 14.5
Quota fondo 345.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si lascia la macchina nella piazzola (provvista di bottini per le immondizie) sita sul lato destro della strada Trieste-Opicina, a circa 500m dall'Obelisco.
La cavità s'apre in un canalone che collega l'altipiano del campeggio con la strada per l'Obelisco. I calcari di questa zona si presentano molto compatti.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità s'apre con un P7,5, che si sviluppa lungo una frattura orientata 97-277°, il quale termina su un ripiano ove si può sentire una certa corrente d'aria.
Da questo punto si può procedere, da un lato, scendendo un P8,5, chiuso al fondo da materiale clastico dall'altro, scendendo un P5 chiuso al fondo da un banco d'argilla.
Uno stretto pertugio intransitabile, sempre alla base del pozzo d'accesso (punto 3 del rilievo) dà su un salto sondato per circa 5m.
La morfologia della grotta è tipicamente corrosiva; il calcare presenta visibili fessurazioni riempite da sottili strati d'argilla.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 04-03-1989