Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4714 - Abisso Labirinto

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Labirinto
Nome principale sloveno
Numero catasto 4714
Numero catasto storico 5545VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110052 - Prosecco
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5063316,9
Longitudine Gauss-Boaga 2421596,5
Latitudine WGS-84 45° 42' 58,3358" (45,71620438)
Longitudine WGS-84 13° 44' 7,9331" (13,73553698)
Latitudine UTM WGS-84 5063294,1
Longitudine UTM WGS-84 401590,5
Quota ingresso 233
Data esecuzione posizione 20-08-2006
Affidabilità posizione 5° gruppo riposizionamento regionale GPS (2006)
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1m x 1m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 26
Autore posizione Grillo Barbara
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 118
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 80
Dislivello totale 80
Quota fondo 153
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Appartenente al complesso Sistema dell'Abisso Labirinto
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità s'apre sul versante NE di una dolina poco profonda sita a 300m NW dallo stabilimento della Coca Cola.
Per raggiungere l'ingresso bisogna prendere il sentiero che si diparte sulla destra della strada laterale della superstrada (ex 202), nei pressi del tratto che fiancheggia lo stabilimento, e seguirlo per circa 150m.
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso, molto franoso, dà accesso ad un P26. Questo inizialmente è concrezionato (salette segnate ali punti 5-6 e 7 del rilievo) mentre verso il fondo si cominciano a vedere i primi disgregamenti; la roccia è nuda, tutta erosa, ed è caratterizzata da lame appuntite.
Dalla base del pozzo (punto 10 del rilievo) si possono scegliere varie vie.
- Si può scendere un P19 che conduce sul fondo di un unico collegamento tra pozzi e camini. Qui le pareti sono scavate da profonde erosioni e il fondo del pozzo è ricoperto da materiale clastico che ostruisce strette fenditure.
- Si può fare un traverso lungo qualche metro e scendere quindi un P13 (punto 37 del rilievo)dalla base del quale, verso N, si dirama un basso cunicolo che porta ad un P18 e, verso S, s'apre un P5 che porta ad un ambiente concrezionato (punti 35 e 36 del rilievo) sovrastato da un camino in colata che termina dopo pochi metri.
-Si può proseguire attraverso il “by-pass” fino a giungere a degli ambienti concrezionati (punti 38, 73 e 74 del rilievo). Da qui si può continuare scendendo lungo la via che porta alla massima profondità (punto 57 del rilievo) o si può fare la risalita (R8-punto 41 del rilievo) che porta al belvedere sopra al P13 dal quale si scorge la fine del camino soprastante. Pochi metri sopra la risalita si può prendere una finestra (punto 42 del rilievo) che, con camini e meandri, costituisce il ramo alto che s'inserisce nel “Pozzo dell'aria” (3727\5204VG), attraverso vari collegamenti (punti 19 e 20 del rilievo).
Dalle salette terminali (punti 53 e 54 del rilievo) si possono eseguire due arrampicate (R4 e R13) che portano ad ambienti di crollo dove le prosecuzioni si presentano alquanto problematiche.
L'altra via, quella che porta alla massima profondità, è costituita da un P14 che termina su una cengia (punto 58 del rilievo); da qui si può scendere o un P7 chiuso al fondo da materiale clastico, o si può prendere una strettoia, sul lato NE che dà su un P5. Dalla base di questo si prosegue attraverso una strettoia (detta “passa ti che a mi me vien de rider”) che porta ad un P18, abbastanza ampio e parzialmente concrezionato. Il suo fondo è costituito da materiale di frana in equilibrio instabile, anche se parzialmente contenuto con cavi d'acciaio e tornichetti (punto 64 del rilievo). Oltre la strettoia formata da questi massi instabili (rolling-stones) s'apre un P9 che termina in un'altra frana alquanto pericolosa, che pone termine a questo ramo.
Sempre dalla base del pozzo d'accesso (punto 10 del rilievo) si può fare una risalita (la RIO) che permette di raggiungere la finestra che per la terza volta collega l'abisso con la vicina grotta (3727\5204VG).
Sulle pareti di tutta la cavità, ma in particolar modo nel P13, si possono osservare, incastonati nella roccia come gemme, innumerevoli fossili anche di notevoli dimensioni (taluni lunghi 16cm e del diametro di 5cm, del tipo delle Ippuriti).

COLLEGATA ALLA 3727/5204VG
Rilievo Completo - Effettuato in data: 01-04-1989
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso

Data dello scatto: 23-03-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Premiani Furio

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Data dello scatto: 23-03-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Premiani Furio

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto