Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4709 - Abisso Samar di Riky

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Samar di Riky
Nome principale sloveno Brezno Rikijev Samar
Numero catasto 4709
Numero catasto storico 5540VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Doberdò del Lago
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088112 - Marcottini
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5078728,8
Longitudine Gauss-Boaga 2407793,9
Latitudine WGS-84 45° 51' 10" (45,85277778)
Longitudine WGS-84 13° 33' 16,8" (13,55466667)
Latitudine UTM WGS-84 5078706,0
Longitudine UTM WGS-84 387788,4
Quota ingresso 114
Data esecuzione posizione 19-02-2012
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,6m x 0,6m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 17
Autore posizione Bruzzechesse Marco
Gruppo appartenenza TALPE - Jamarski klub Kraški krti/Gruppo Speleologico Talpe del Carso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 30
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 110
Dislivello totale 110
Quota fondo 4
Vincolo paesaggistico Si
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Sulla strada che congiunge Marcottini con Doberdò del Lago, di fronte alla fabbrica “EMME DUE”, s'apre un'ampia mulattiera: la si percorre per circa 400m fino a giungere ad una biforcazione. Prendendo il sentiero di destra (meno ampio ma sempre evidente), si sale fino a raggiungere una costruzione in cemento (acquedotto). Da qui si prosegue verso sinistra per circa 250m su una traccia di sentiero, si piega ancora sulla sinistra, scendendo fino al fondo di un'ampia dolina nella quale si nota, evidente, l'ingresso. Attualmente questo è chiuso da un tombino munito di lucchetto: le chiavi si possono ottenere rivolgendosi al Gruppo Speleologico “Talpe del Carso”
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta riveste un notevole interesse sia per la profondità, la maggiore del Carso Goriziano, sia per la sua complessità morfologica, caratterizzata da una sequenza di pozzi alternati a terrazzi e piccoli salti. L'ingresso, chiuso con una botola, immette in un pozzo di 17m sul fondo del quale un pertugio permette l'accesso ad un P65; questo, nel tratto iniziale, presenta le pareti coperte da splendide cortine stalattitiche, cannule e colonnine, totalmente assenti nella seconda parte.
In quest'ultima, infatti, la grotta assume una morfologia a roccia viva, scavata da un carsismo nuovamente aggressivo. Qui le pareti non concrezionate, evidenziano una stratificazione differenziata e la presenza di alcuni notevoli banchi fossiliferi.
L'ultimo pozzo (P20) è anch'esso fortemente eroso e conduce, dopo una breve galleria meandriforme, alla sala finale, il cui fondo è coperto da abbondanti depositi argillosi.

NOTA
La cavità, scoperta all'inizio del 1989, è intitolata alla memoria di un socio del Gruppo Speleologico “Talpe del Carso”, deceduto in un incidente stradale.

CARATTERISTICHE LITOSTRATIGRAFICHE
Le litofacies prevalenti sono rappresentate da wackestone-packstone intraclastico-fossiliferi e da floatstone fossiliferi; verso il fondo si riscontrano livelli dolomitici ed anche verso la sommità è caratteristica la presenza di un orizzonte di dolomia a grana grossa. Tra le biofacies si è riscontrata la presenza di Biconcava sp. E coralli nella parte bassa della successione e di Broeckina balcanica, Chrysalidina gradata e Pseudolituonella nella parte superiore che segnalano il Cenomaniano medio-superiore. Si ritiene che questa successione, appartenente alla Formazione di Monrupino, possa essere posizionata poco sopra del Membro dolomitico, senza raggiungere d'altra parte la porzione sommitale della succitata formazione.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 20-03-1989
Foto
Data dello scatto: 19-02-2012

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Bregant Luigi

Gruppo di appartenenza: TALPE - Jamarski klub Kraški krti/Gruppo Speleologico Talpe del Carso

Data dello scatto: 19-02-2012

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Bregant Luigi

Gruppo di appartenenza: TALPE - Jamarski klub Kraški krti/Gruppo Speleologico Talpe del Carso