Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4669 - Grotta dei due Amici

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta dei due Amici
Nome principale sloveno
Numero catasto 4669
Numero catasto storico 5500VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110051 - Sgonico
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5065671,0
Longitudine Gauss-Boaga 2421859,0
Latitudine WGS-84 45° 44' 14,7294" (45,73742484)
Longitudine WGS-84 13° 44' 18,3575" (13,73843263)
Latitudine UTM WGS-84 5065648,1
Longitudine UTM WGS-84 401853,1
Quota ingresso 266
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 12
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 71
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 69
Dislivello totale 69
Quota fondo 197
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità s'apre su un terreno pianeggiante, ai margini di una dolina poco profonda, nei pressi dell'oleodotto transalpino. Si prende la strada Gabrovizza-Sgonico e, giunti all'incrocio con l'oleodotto, si gira a sinistra e si prosegue per 440m. Da qui si continua, sulla destra, per circa 50m.
Descrizione dei vani interni della cavità Sceso il pozzo d'accesso si giunge ad una bella caverna, con il fondo coperto in gran parte dalla calcite, che si sviluppa in leggera discesa. Questa ad un certo punto piega bruscamente a sinistra e il soffitto si abbassa. Da qui si prosegue su un pavimento d'antica frana e, dopo pochi metri, si giunge all'imbocco di un pozzetto (punto 4 del rilievo) che porta ad una piccolo vano (punti 5 e 6 del rilievo).
Sempre nella caverna, poco più avanti, si può proseguire in due direzioni (punto 8 del rilievo). Da un lato, in salita, con una facile arrampicata, si raggiunge un modesto vano (punto 11 del rilievo), dall'altro uno stretto passaggio (punto 9 del rilievo) immette in un largo ed eroso pozzo ostruito parzialmente alla sommità da una frana. Dal fondo si dirama una breve galleria in discesa, con il fondo coperto da detriti, sul cui fondo si trova l'imbocco dell'ultimo pozzo. Questo è formato, per tre lati, da frana ed è sovrastato da un camino.

AGGIORNAMENTO DEL 20\08\1989
Percorsi pochi metri dall'inizio della caverna (punto A del rilievo) uno stretto passaggio permette di accedere ad un P4,4, dalle pareti completamente concrezionate e con il fondo coperto di argilla.
Poco più aventi, sempre nella caverna, s'apre un altro passaggio (punto B del rilievo) che porta ad un piccolo ambiente sovrastato da due camini.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 20-08-1989
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso