Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4575 - Grotta in parete presso il Bivacco Lomasti

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta in parete presso il Bivacco Lomasti
Nome principale sloveno
Numero catasto 4575
Numero catasto storico 2576FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Alpi Carniche
Provincia Udine
Comune Moggio Udinese
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 032032 - Creta di Aip
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5157271,8
Longitudine Gauss-Boaga 2384255,8
Latitudine WGS-84 46° 33' 18,3181" (46,55508837)
Longitudine WGS-84 13° 13' 44,6687" (13,22907465)
Latitudine UTM WGS-84 5157248,0
Longitudine UTM WGS-84 364252,0
Quota ingresso 2030
Data esecuzione posizione 26-07-2020
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 3 x 0.8 m
Tipo ingresso Fessura
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Chiesa Costantino
Gruppo appartenenza GRIF - Gruppo Ricerche Ipogee Friuli
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 48
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 30
Dislivello totale 30
Quota fondo 2000
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si trova sulla sinistra del sentiero che dalla Sella d'Aip conduce alla Forcje dai Clas. L'evidente spaccatura verticale lungo cui s'apre, circa una trentina di metri sopra il sentiero, è visibile dallo stesso.
Per raggiungere la grotta bisogna risalire un ripido ghiaione e quindi traversare con attenzione su un esposto prato, verso sinistra, fino all'imbocco.
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso, largo circa 1m ed alto 3m, immette in una cavernetta con uno slargo sulla destra. Un basso pertugio dà accesso ad un pozzetto di 4m con l'imbocco piuttosto franoso.
Alla base, si diparte una breve galleria al termine della quale si sviluppa uno stretto meandro che porta ad una cavernetta. Qui la cavità cambia direzione (NNE). Superata una strettoia verticale impegnativa si percorre una galleria inclinata che porta alla massima profondità.
Pochi metri sopra il fondo si dirama un meandrino impraticabile nel quale si avverte la corrente d'aria che si è seguita fino a qui.
La cavità è di chiara origine tettonica nella quale però, specialmente nella parte finale, si sono instaurati processi d'erosione e corrosione di una certa intensità.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 03-09-1988
Foto
Data dello scatto: 26-07-2020

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Chiesa Costantino

Gruppo di appartenenza: GRIF - Gruppo Ricerche Ipogee Friuli

Data dello scatto: 26-07-2020

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Chiesa Costantino

Gruppo di appartenenza: GRIF - Gruppo Ricerche Ipogee Friuli

Data dello scatto: 26-07-2020

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Chiesa Costantino

Gruppo di appartenenza: GRIF - Gruppo Ricerche Ipogee Friuli