Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4572 - Abisso Freezer

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Freezer
Nome principale sloveno
Numero catasto 4572
Numero catasto storico 2574FR
Numero totale ingressi 5

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049081 - Monte Musi
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5132224,0
Longitudine Gauss-Boaga 2390222,0
Latitudine WGS-84 46° 19' 51,4068" (46,33094633)
Longitudine WGS-84 13° 18' 49,8022" (13,31383394)
Latitudine UTM WGS-84 5132200,5
Longitudine UTM WGS-84 370217,7
Quota ingresso 1437
Data esecuzione posizione 07-08-2005
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Malandrino Paolo
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 255
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 200
Dislivello totale 200
Quota fondo 1237
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità s'apre su una grande faglia avente andamento E-W ed immersione del piano verso N. Per raggiungere l'ingresso si prende il sentiero che da Sella Carnizza conduce alla Madonna dei Cacciatori (sotto la cima del Monte Musi). Questo sentiero non è segnato sulla C.T.R ma è ben evidenziato, sul campo, da bollini in vernice rossa. L'ingresso si trova a pochi metri dal sentiero, in uno sprofondamento sito in una zona pianeggiante a quota 1440.
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta si sviluppa lungo una frattura avente direzione 130°-310° ed un'inclinazione di 38°.
L'ingresso (punto 0 del rilievo) dà accesso ad un basso cunicolo inclinato con il fondo composto da materiali clastici di distacco, da neve e ghiaccio fossili. Alla fine dello scivolo di ghiaccio inizia una china sassosa che dà su un P8 (punto 12 del rilievo). Segue un P15 che termina nella sala principale (punti 14-16 del rilievo) ampia 20 X 7m. Questa è ingombra di grossi massi e, un passaggio tra questi (punto 17 del rilievo), permette di proseguire. Una china detritica porta ad una breve arrampicata (punto 19 del rilievo) oltre la quale s'apre un P8 a fondo cieco. Continuando, invece, lungo il tratto principale si trovano un P10 seguito da un'ampia frattura che si estende per circa 30m. Il fondo è formato da un piano inclinato di fine pietrisco. Alla fine, uno stretto passaggio permette di entrare in una sala di discrete dimensioni oltre la quale s'apre un P11 (punto 23 del rilievo). Questo termina in una sala caratterizzata da profonde forme erosive. Proseguendo lungo un breve meandro si giunge all'imbocco del P38 che porta sul fondo della cavità. Qui il materiale clastico è abbondante e levigato dalla forte attività idrica.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 15-08-1992