Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 456 - Cavernetta presso Gabrovizza

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Cavernetta presso Gabrovizza
Nome principale sloveno
Numero catasto 456
Numero catasto storico 837VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110052 - Prosecco
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5064131,0
Longitudine Gauss-Boaga 2420872,0
Latitudine WGS-84 45° 43' 24,3361" (45,7234267)
Longitudine WGS-84 13° 43' 33,8305" (13,72606403)
Latitudine UTM WGS-84 5064108,2
Longitudine UTM WGS-84 400866,1
Quota ingresso 233
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 19
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 1.5
Dislivello totale 1.5
Quota fondo 231.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile Si
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità Su indicazione del Colonnello Gariboldi, il Battellini rintracciò questa cavernetta nel 1922, ma, probabilmente per le ridotte dimensioni della stessa, non eseguì nessun rilievo. In seguito la grotta venne ricercata minuziosamente, ma fu rinvenuta appena nel gennaio del 1959. Al tempo
l'ingresso era celato tra fitti rovi, sotto il ciglio di una dolinetta.
La cavità è costituita da quattro brevi vani uniti da angusti passaggi; mentre la cavernetta iniziale ha le pareti nude e corrose, il resto della grotta si presenta riccamente concrezionato ed il suolo è formato da argilla asciutta e compatta. Acuti caminetti forano la volta in vari punti, giungendo a poca distanza dalla superficie.
Da una nota del 1985 di Dario Marini, risulta che: "la dolinetta dove si trovava la grotta è stata colmata negli anni '70 con materiale derivato da qualche demolizione, per cui la cavità non è più rintracciabile".
Rilievo Completo - Effettuato in data: 06-03-1959