Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4491 - Grotta della Plorda

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta della Plorda
Nome principale sloveno
Numero catasto 4491
Numero catasto storico 5450VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110151 - Grozzana
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5054456,0
Longitudine Gauss-Boaga 2432971,0
Latitudine WGS-84 45° 38' 16,755" (45,6379875)
Longitudine WGS-84 13° 52' 59,6681" (13,88324115)
Latitudine UTM WGS-84 5054433,2
Longitudine UTM WGS-84 412964,7
Quota ingresso 442
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione 1° gruppo riposizionamento regionale su CTR 1:5000 (1999)
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 17
Autore posizione Non specificato
Gruppo appartenenza CAT - Club Alpinistico Triestino
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 139
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 92
Dislivello totale 92
Quota fondo 350
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si prende la statale che da Basovizza conduce al confine di Pese e, un chilometro dopo la casa cantoniera, s'incontra, sulla sinistra, un'ampia radura. La si percorre fino al segnale di divieto d'accesso e poi si prosegue, verso sinistra, fino a raggiungere una piccola costruzione.
Subito dietro questa s'estende un'ampia e poco profonda dolina sul cui fianco orientale s'apre l'evidente imbocco della cavità. Questo è costituito da un ampio sprofondamento nella terra rossa, ha bordi piuttosto instabili ed è recintato.

NOTA (agosto 2002)
La cavità s'apre nel terreno privato di un agriturismo.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo d'accesso termina su un fondo costituito da argilla liquida e tenace. Una strettoia orizzontale, sulla sinistra, conduce ad un'ampia sala col pavimento cosparso da grossi blocchi di frana al termine della quale s'apre l'imbocco franoso del P14 (per scenderlo è necessario traversare in alto un paio di metri). Alla base, un basso scivolo molto inclinato immette direttamente nel P27; questo è caratterizzato da numerose finestre e salti paralleli che si ricollegano sul fondo. Da qui, una serie di brevi verticali, impostate su fratture ed interessate da un notevole ringiovanimento, portano a due fondi ben distinti dove alcune fessure impraticabili potrebbero portare a qualche prosecuzione.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 20-03-1988