Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4480 - Caverna presso quota 208

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna presso quota 208
Nome principale sloveno
Numero catasto 4480
Numero catasto storico 5439VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Doberdò del Lago / Doberdob
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088151 - Bonetti
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5076178,0
Longitudine Gauss-Boaga 2409497,0
Latitudine WGS-84 45° 49' 48,365" (45,8301014)
Longitudine WGS-84 13° 34' 37,8526" (13,57718129)
Latitudine UTM WGS-84 5076155,2
Longitudine UTM WGS-84 389491,5
Quota ingresso 162
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 14.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 7
Dislivello totale 7
Quota fondo 155
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità s'apre lungo una vecchia linea di trincea, dove ci sono anche altre cavernette, sita sul costone roccioso a N di Jamiano.
Per giungere all'ingresso si può lasciare l'auto in una piccola piazzola a quota 52,8 (nella C.T.R), sul lato E della statale del Vallone, e poi procedere verso N, fino a raggiungere quasi la sommità del versante.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di una cavernetta scavata per scopi militari durante la prima guerra mondiale perciò l'ingresso e buona parte della cavità sono artificiali.
L'unico tratto naturale è quello che si sviluppa verso W ed è costituito da una cavernetta sul fondo della quale s'apre una strettoia impraticabile che potrebbe portare ad altre eventuali prosecuzioni. La direzione della frattura lungo la quale si sviluppa la parte naturale è N55°W, S55°E ed è parallela al costone roccioso ed alla faglia di Colle Nero che corre a breve distanza.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 13-03-1988
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino