Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4410 - Grotta Keres

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta Keres
Nome principale sloveno
Numero catasto 4410
Numero catasto storico 2463FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Claut
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 047112 - Lesis - Stoc
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5127108,0
Longitudine Gauss-Boaga 2332413,0
Latitudine WGS-84 46° 16' 17,107" (46,2714186)
Longitudine WGS-84 12° 33' 55,4401" (12,56540002)
Latitudine UTM WGS-84 5127085,6
Longitudine UTM WGS-84 312409,6
Quota ingresso 740
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 30
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 2
Dislivello negativo
Dislivello totale 2
Quota fondo 740
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si raggiunge risalendo uno scivolo, usato per lo sfruttamento boschivo della zona, che parte sulla sinistra orografica della valle, circa 200m prima del ponte che sotto le Casere Pradavant attraversa il Torrente Cellina. Si risale lo scivolo fino a quota 740 e, da qui, si prosegue lungo un sentiero, inizialmente non molto evidente, che porta in breve all'ingresso.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità d'interstrato ha andamento rettilineo e segue l'inclinazione degli strati. Il pavimento è talvolta costituito dallo strato stesso e talvolta da detriti.
Il vano terminale presenta due prosecuzioni intransitabili dalle quali, al momento dell'esplorazione, usciva una debole corrente d'aria.
Durante l'esplorazione del maggio 1987 la cavità non emetteva acqua mentre durante quella del luglio 1987, dopo un periodo particolarmente piovoso, si notava una notevole fuoriuscita d'acqua.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 02-05-1987