Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4406 - Grotta presso Debela Grisa

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta presso Debela Grisa
Nome principale sloveno
Numero catasto 4406
Numero catasto storico 5426VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta
Scopritore Prelli - Roberto
Gruppo scopritore CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5062627,0
Longitudine Gauss-Boaga 2426316,0
Latitudine WGS-84 45° 42' 38,3418" (45,71065049)
Longitudine WGS-84 13° 47' 46,666" (13,79629611)
Latitudine UTM WGS-84 5062604,1
Longitudine UTM WGS-84 406309,9
Quota ingresso 300
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 20
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 38
Dislivello totale 38
Quota fondo 262
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso dà accesso ad un saltino di 1,5m dalla base del quale si diparte un cunicolo discendente lungo qualche metro; questo porta ad un pozzo, con le pareti abbastanza concrezionate, sul cui fondo s'apre un passaggio che dà su un P18. Entrambi i pozzi sono impostati su una frattura che ha direzione NNE-SSW.
Dalla base del P18 si prosegue con un salto di 3m che porta al vano terminale dove c'è un pertugio che dà su un pozzetto sondato per circa 8m. La pericolosità dell'ambiente, data da numerose pietre instabile, non ha permesso però di eseguire i lavori di allargamento necessari all'esplorazione di quest'ultimo.
Pochi metri dall'inizio del P18 si trovano due finestre, inaccessibili, che danno su un pozzo stimato profondo una ventina di metri.
Alla base del P12, sulla parete E, una strettissima fessura mette in comunicazione con il pozzo di cui sopra.
Al termine del cunicolo iniziale un pertugio, non transitabile, dovrebbe comunicare con il P12.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 09-05-1987