Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4401 - Pozzo 2º della Stazione di Monfalcone

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 2º della Stazione di Monfalcone
Nome principale sloveno
Numero catasto 4401
Numero catasto storico 5421VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Monfalcone
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088152 - Monfalcone-Stazione
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5073647,0
Longitudine Gauss-Boaga 2407191,0
Latitudine WGS-84 45° 48' 25,0393" (45,80695535)
Longitudine WGS-84 13° 32' 53,1338" (13,54809272)
Latitudine UTM WGS-84 5073624,2
Longitudine UTM WGS-84 387185,5
Quota ingresso 24
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 12.8
Autore posizione Pian Giorgio
Gruppo appartenenza FANTE - Gruppo Speleologico Monfalconese Amici del Fante
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 5.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 12.8
Dislivello totale 12.8
Quota fondo 11.2
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile Si
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si trova nei pressi del piazzale antistante la Stazione FF.SS. di Monfalcone, non molto distante dal Pozzo dei Protei di Monfalcone (4383\5403VG).
Descrizione dei vani interni della cavità Pozzo unico, profondo 12,80m, in gran parte concrezionato con colate calcitiche e qualche rara stalattite. Il fondo, abbastanza spazioso, è completamente ingombro da detriti precipitati all'interno durante i lavori di sbancamento in superficie. Probabilmente il pietrame caduto ha ostruito qualche possibile prosecuzione; non v'è corrente d'aria.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 21-06-1987