Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4371 - Buse d'Ajar

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Buse d'Ajar
Nome principale sloveno
Numero catasto 4371
Numero catasto storico 2451FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050024 - Stretti
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5138272,0
Longitudine Gauss-Boaga 2400196,0
Latitudine WGS-84 46° 23' 13,8899" (46,38719164)
Longitudine WGS-84 13° 26' 30,5555" (13,44182097)
Latitudine UTM WGS-84 5138248,3
Longitudine UTM WGS-84 380191,6
Quota ingresso 1413
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 2856
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 76
Dislivello negativo 145
Dislivello totale 221
Quota fondo 1268
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso Si
Prosecuzioni Prosecuzioni certe (accessibili)
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Appartenente al complesso Complesso del Col delle Erbe
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta s'apre alla base di una paretina sita in un fitto bosco misto di larici ed abeti a quota 1410, nei pressi della Casera Goriuda (per l'itinerario d'accesso vedi la descrizione del sentiero 315, fino alla casera, su Alpi Giulie Occidentali di Marini e Galli).
Dalla Casera seguire il sentiero a sinistra, per Sella Nevea, fino alla prima curva (100m circa) e quindi proseguire nel bosco per altri 50m.
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso dà accesso ad uno stretto cunicolo discendente lungo circa 50m che sbocca in una galleria freatica. A sinistra (est) la galleria si chiude presto a causa di riempimenti; a destra (ovest) prosegue presentando spesso degli approfondimenti meandriformi di carattere vadoso. La galleria si sviluppa a tratti in interstrato ed a tratti lungo una faglia e presenta alcune brevi diramazioni. Questa prima parte termina in corrispondenza di un trivio generato da una faglia lungo cui si sviluppa il secondo tratto della grotta. A destra un meandro si sviluppa in salita (arrivo) e prosegue stretto ed inesplorato. In basso iniziano i pozzi che conducono ai rami di collegamento con il sifone del Vianello; a sinistra la galleria prosegue con numerosi traversi su piccoli sprofondamenti mantenendo sempre la stessa direzione e termina in corrispondenza di un incrocio di faglie che ha generato un ampio salone e ne provoca un brusco cambiamento di direzione.
L'unica diramazione di questo secondo tratto di galleria è il "bigolo sud" che con breve percorso ed un ampio pozzo riconduce verso le zone basse ed il sifone del Vianello. La prosecuzione del ramo principale è data da un ampio meandro che risale leggermente sulla destra mentre a sinistra una breve arrampicata immette nel salone e quindi in un cunicolo che prosegue sino ad un masso che lo ostruisce quasi del tutto (tentativi di disostruzione, molta aria in uscita, in estate). Proseguendo lungo il meandro, intervallato da sprofondamenti e pozzi si raggiunge un salone di crollo. Lateralmente, se si risale la china detritica, si trova un nuovo ampio meandro che sprofonda in un P40; di fronte, uno stretto meandro si ricongiunge con il salone del Bigolo sud. Se si scende il P40 si raggiunge un ambiente di crollo che con altri pozzi riporta nella zona dei sifoni terminali del Vianello. Se si traversa sopra al pozzo, seguendo la corrente d'aria si prosegue poi per un ampio meandro che ad un tratto si biforca: a destra il ramo manicomio di pietra (circa 500m) risale e si ferma su frane e risalite in corrispondenza del fondo dell'abisso L33. A destra, dopo 200m, il meandro si congiunge alla parte alta del Vianello nella zona sopra al pozzo dei pendoli.

COMPLESSO DEL COL DELLE ERBE, GROTTE COLLEGATE: 1487,1463, 1471, 1969, 2378, 4380, 7113, 7117, 2588, 4371, 2967, 2969, 5591, 2598
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-12-1987