Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 437 - Pozzo presso Medeazza

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo presso Medeazza
Nome principale sloveno
Numero catasto 437
Numero catasto storico 784VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088163 - Iamiano
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5073056,0
Longitudine Gauss-Boaga 2411968,0
Latitudine WGS-84 45° 48' 8,6454" (45,80240149)
Longitudine WGS-84 13° 36' 34,8642" (13,60968449)
Latitudine UTM WGS-84 5073033,2
Longitudine UTM WGS-84 391962,4
Quota ingresso 146
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 4
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 22
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 5
Dislivello totale 5
Quota fondo 141
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre circa 600m a NNE dal centro di Medeazza, sul versante Nord della quota 209, tra due sentieri paralleli.
Descrizione dei vani interni della cavità L'apertura misura 100cm x 80cm e si origina sul soffitto stesso della cavità. Dopo un salto di 4m, le cui pareti sono molto fratturate e friabili, si giunge in una sala nella quale le concrezioni si sfaldano facilmente. Sulla sinistra di questa sala il soffitto si abbassa, portando ad un cunicolo che, restringendosi, impedisce il passaggio, ma lascia in ogni caso intravedere la fine due metri più avanti. In questo tratto il fondo argilloso è ricoperto da un sottile strato di concrezione calcitica. A destra dell'apertura, su di un fondo dapprima detritico e poi argilloso che tende a salire, la grotta continua con una galleria per ancora 12m circa. Le pareti sono fittamente tappezzate da piccole concrezioni, e sono abbellite anche da modesti complessi stalattitici. Degno di nota è che la cavità, nei periodi di intense precipitazioni atmosferiche, tende a riempirsi d'acqua sino ad un certo livello (dai 70cm agli 80cm circa): prova ne sono le evidenti tracce sulle pareti. L'acqua entra dal fondo della galleria di destra il cui punto più alto dista appena 2m dalla superficie.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 03-11-1968