Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 435 - Grotta di Medeazza

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta di Medeazza
Nome principale sloveno
Numero catasto 435
Numero catasto storico 775VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 109044 - San Giovanni al Timavo
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5071622,0
Longitudine Gauss-Boaga 2411750,0
Latitudine WGS-84 45° 47' 22,072" (45,78946444)
Longitudine WGS-84 13° 36' 25,9244" (13,60720121)
Latitudine UTM WGS-84 5071599,2
Longitudine UTM WGS-84 391744,3
Quota ingresso 203
Data esecuzione posizione 31-08-2001
Affidabilità posizione 3° gruppo riposizionamento regionale GPS (2001)
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 66x53
Tipo ingresso Riparo sottoroccia
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Manzoni Marco
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Autore posizione Rucavina Paolo
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 6.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 0.5
Dislivello totale 0.5
Quota fondo 202.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta si apre sul fianco del Monte Cock (Cocco), a lato di un sentiero, in un ampio sprofondamento mascherato da folta vegetazione. La cavità è un antro spazioso e poco profondo, illuminato dalla luce esterna. Un grande muro occupa l'imbocco, lasciando libero un breve varco; il manufatto fu costruito durante la prima guerra mondiale per riparare dalle schegge la truppa che si rifugiava appunto nella cavità.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 09-10-1969
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso

Data dello scatto: 15-02-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: De Palo Gianni

Gruppo di appartenenza: FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar

Data dello scatto: 15-02-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: De Palo Gianni

Gruppo di appartenenza: FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar

Tipo inquadratura: Ingresso

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Tipo inquadratura: Interno

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Descrizione inquadratura: Vista dell'ingresso dall'interno.