Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4273 - Pozzo 2º dell'Autostrada

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 2º dell'Autostrada
Nome principale sloveno
Numero catasto 4273
Numero catasto storico 5353VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5061524,9
Longitudine Gauss-Boaga 2426688,1
Latitudine WGS-84 45° 42' 2,8185" (45,70078293)
Longitudine WGS-84 13° 48' 4,6339" (13,80128719)
Latitudine UTM WGS-84 5061502,0
Longitudine UTM WGS-84 406682,0
Quota ingresso 310
Data esecuzione posizione 15-11-2020
Affidabilità posizione Incerto
Stato ingresso Sotto tracciato stradale
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 10
Autore posizione Benedetti Gianni
Gruppo appartenenza GTS - Gruppo Triestino Speleologi
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 6
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 14.5
Dislivello totale 14.5
Quota fondo 295.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta Non definito
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso della cavità è stato scoperto durante i lavori di sbancamento per l'autostrada e si trova subito sotto la massicciata della ferrovia, non lontano dal Pozzo presso la strada ferroviaria di Villa Opicina (55/8VG).
Descrizione dei vani interni della cavità Pozzo unico, reso pericoloso da frane e sassi instabili, chiuso al fondo da materiale di crollo prodotto dalle mine. In un angolo s'apre una fessura che porta ad un vano che si sviluppa in discesa; questo è sormontato da un camino lungo qualche metro.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 24-11-1985