Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4242 - Meandro del Bila Pec

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Meandro del Bila Pec
Nome principale sloveno
Numero catasto 4242
Numero catasto storico 2378FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050022 - Sella Prevala
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Intersezione di punti
Latitudine Gauss-Boaga 5136779,0
Longitudine Gauss-Boaga 2401543,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 26,39" (46,37399723)
Longitudine WGS-84 13° 27' 34,9569" (13,45971025)
Latitudine UTM WGS-84 5136755,3
Longitudine UTM WGS-84 381538,6
Quota ingresso 1825
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 155
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 5
Dislivello negativo 225
Dislivello totale 230
Quota fondo 1600
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso Si
Prosecuzioni Prosecuzioni certe (accessibili)
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Appartenente al complesso Complesso del Bila Pec
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si trova alla base della parete del Bila Pec, all'innesto tra le cenge erbose e la parete verticale, ad una quarantina di metri, in direzione S, dalla Grotta del Ghiaccio (1347/558FR). L'ingresso s'apre pressoché alla stessa quota di questa.
Descrizione dei vani interni della cavità Un meandrino, dopo circa 6m, sprofonda in un pozzetto di 7m. Dalla base di questo si prosegue scendendo un P8 che porta in una saletta con sul soffitto alcuni camini e, sul fondo, pericolosi massi di frana. Da qui un ghiaione discende fino ad un pozzetto di 5m che immette in un meandro lungo una ventina di metri che è interrotto, a metà, da un salto di 7m. Proseguendo qualche metro si giunge ad una fessura, lunga 5m, che immette in un P108.

NOTA
La descrizione della cavità è stata consegnata in catasto nel 1985; manca, invece, la descrizione del resto della cavità che è stata esplorata nel 1992.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-12-1992