Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4230 - Pozzo sul versante N del Monte Zermula

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo sul versante N del Monte Zermula
Nome principale sloveno
Numero catasto 4230
Numero catasto storico 2366FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Carniche
Provincia Udine
Comune Paularo
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 032022 - Monte Zermula
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5158065,0
Longitudine Gauss-Boaga 2379410,0
Latitudine WGS-84 46° 33' 40,4197" (46,56122769)
Longitudine WGS-84 13° 9' 56,3449" (13,16565135)
Latitudine UTM WGS-84 5158041,3
Longitudine UTM WGS-84 359406,3
Quota ingresso 1771
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Errato
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 4.8
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 24
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 44
Dislivello totale 44
Quota fondo 1727
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso si trova sul lato sinistro di un solco che ha direzione N-S e che dai contrafforti settentrionali del Monte Zermula scende verso il Passo Cason di Lanza.
Descrizione dei vani interni della cavità Due brevi saltini conducono su un lungo scivolo (direzione approssimativa SW-NE) reso molto pericoloso dalla cospicua presenza di materiale clastico in equilibrio estremamente precario. Per tale motivo, infatti, è stato anche parzialmente arginato con tavole di legno incastrate tra le pareti.
Al termine dello scivolo si giunge all'imbocco del P17, piuttosto ampio e con l'asse maggiore perpendicolare alla direzione dello scivolo. Dalla base del pozzo si prosegue scendendo un P4 che termina in una saletta con il fondo completamente occupato da materiale clastico.
Evidenti segni di circolazione idrica lungo le pareti, specie quelle del P17.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 27-05-1985