Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4136 - Abisso Massimo

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Massimo
Nome principale sloveno
Numero catasto 4136
Numero catasto storico 5268VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110052 - Prosecco
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5063544,0
Longitudine Gauss-Boaga 2421396,0
Latitudine WGS-84 45° 43' 5,5899" (45,71821942)
Longitudine WGS-84 13° 43' 58,495" (13,73291529)
Latitudine UTM WGS-84 5063521,2
Longitudine UTM WGS-84 401390,0
Quota ingresso 230
Data esecuzione posizione 01-01-1999
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,5m x 0,5m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 60
Autore posizione Non specificato
Gruppo appartenenza GK - Geokarst
Autore posizione Manzoni Marco
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 130
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 227
Dislivello totale 227
Quota fondo 3
Vincolo paesaggistico No
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Provenendo da Opicina sulla SS202, si sorpassa lo stabilimento della Coca Cola e, 200m prima di giungere all'area di servizio successiva, s'imbocca una deviazione verso destra. Al momento dell'esplorazione tale deviazione non era ancora asfaltata essendo in corso i lavori d'ampliamento di tutta la SS202 (futuro raccordo autostrada).
Si lascia l'auto a 100m dalla confluenza e si percorre, in direzione perpendicolare a quest'ultima, un tratto di 100m verso l'interno. L'ingresso si trova sul bordo di una dolina di medie dimensioni sita all'incrocio di due muretti a secco.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità s'apre con un P60 che, da un punto di vista morfologico, è tipicamente di corrosione-erosione. Lo scorrimento parietale di acque sovrassature ha dato origine a crostelli alternati a colate calcitiche.
Una decina di metri dall'ingresso, fra le concrezioni, s'apre l'imbocco di un pozzo laterale che scende parallelo al principale e vi si ricongiunge una trentina di metri più in basso. Tale ramo è caratterizzato da una cospicua presenza di concrezioni note come "fiori di grotta", da cui il nome: ramo dei fiori. Il fondo è coperto da detriti, anche di notevoli dimensioni, staccatesi probabilmente dalle pareti.
Dalla base del pozzo si dipartono tre rami differenti.
RAMO DEL GUAPO
Due pozzetti portano, con un dislivello di 18m, ad una strettoia oltre la quale s'apre un P30 che porta alla profondati di 110m. Questo pozzo presenta una sezione allungata con asse dinarico; i calcari sono delle micriti alternate a biomicriti a nummuliti. Si rinvengono delle strozzature orizzontali che interessano tutta la lunghezza dei pozzi; queste, molto probabilmente, si trovano in corrispondenza a livelli calcarei più resistenti alla dissoluzione. Sul fondo del pozzo d'accesso si rinvengono livelli di calcari bioclastici, con variazioni laterali di facies, con tritume di conchiglie.
RAMO FONDO -90m
Dalla base del pozzo d'accesso si scende l'unico pozzo che non s'apre tra i clasti cementati; dalla sua base si prosegue superando un altro salto che giunge alla profondità di 90m.
RAMO DEL FONDO
Dopo i primi 10m del pozzo del ramo sopra descritto, si traversa e si prende una strettoia che dà su un P8,6. Dalla base di questo, da un lato si prosegue verso il fondo e dall'altro si continua lungo un breve ramo laterale.
Ramo laterale: è costituito da un P9, caratterizzato da una strettoia alquanto scomoda, che porta ad una forra della profondità di 13,5m. Questa è collegata strutturalmente al successivo grande pozzo ma il collegamento è intransitabile a causa di numerosi clasti, anche di notevoli dimensioni, che ne occupano il passaggio.
Ramo fondo: dalla base del P8,6, passando sopra al P9, s'imbocca un cunicolo orizzontale che immette nel P57,60. L'ambiente è tipicamente di erosione, le pareti sono regolari ma interessate da una marcata dissoluzione che approfondendo il reticolo tettonico causa la formazione di lame. Questa è la parte più pericolosa dell'abisso e necessita di un'attenzione particolare a causa delle numerosissime pietre instabili. Alla base c'è un cono detritico che degrada verso il fondo dove vi sono due fratture. Imboccando quella avente direzione 230°N, si prosegue traversando fino a giungere all'imbocco di un pozzetto che si abbandona dopo 3,5m per superare un passaggio orizzontale. Questo è il tratto, per ora, più fangoso della cavità. Superandolo si sbuca sulla parete del pozzo successivo, ad un'altezza di circa 15m. Si tratta di una grossa faglia di direzione 220°N, con le pareti distanti circa 4m e con un fondo con un'inclinazione media di 40°. Qui fanno la loro ricomparsa le concrezioni; il morfotipo caratteristico è il crostello che ricopre interamente il fondo e le pareti. Alla sommità superore si nota una finestra buia che non è ancora stata esplorata. L'estremità inferiore della faglia, invece, si perde nel pozzo successivo, P53, molto concrezionato e con parecchie probabili prosecuzioni.
Per raggiungere il fondo bisogna scendere ancora un P23 il cui imbocco si trova a 5m d'altezza. Le pareti sono caratterizzate dalla presenza d'elementi instabili ricoperti e tenuti in posto da grosse quantità d'argilla. La quota assoluta del fondo è di soli 2m sul livello del mare.

NOTA
La presenza di strettoie, unita alla franosità del P57, che scarica continuamente, ed ai grossi depositi di argilla rende complessa la visita di questa cavità.

NOTA 2
Sul fondo della cavità, a quota -227, c'è acqua. Questo livello freatico è certamente un lago pensile che non riesce a scaricare in quanto il punto di drenaggio s'intasa d'argilla. Per tutto il periodo di esplorazione il livello di riempimento del pozzo è stato trovato sempre diverso: indice di un continuo processo di svuotamento-riempimento legato al regime idrico sotterraneo.
Il 24 ottobre, in seguito alla notizia che il 20 e 21 ottobre nell'Abisso di Trebiciano l'acqua era giunta all'altezza delle ultime scale, fu fatta una ricognizione sul fondo del Massimo. In quell'occasione l'acqua aveva raggiunto, nel pozzo "San Giusto", i venti metri di altezza per un volume d'acqua stimato attorno ai 2800 metri cubi.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-12-1984
Foto
Data dello scatto: 16-03-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Rupini Luciano

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Data dello scatto: 16-03-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Rupini Luciano

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Tipo inquadratura: Ingresso