Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 413 - Grotta Scariza

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta Scariza
Nome principale sloveno
Numero catasto 413
Numero catasto storico 2156VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5063993,0
Longitudine Gauss-Boaga 2426982,0
Latitudine WGS-84 45° 43' 22,9167" (45,72303241)
Longitudine WGS-84 13° 48' 16,5198" (13,80458884)
Latitudine UTM WGS-84 5063970,1
Longitudine UTM WGS-84 406976,0
Quota ingresso 320
Data esecuzione posizione 18-03-2011
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 3m x1m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 22
Autore posizione Filiberto Pamela
Gruppo appartenenza GTS - Gruppo Triestino Speleologi
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 70
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 85
Dislivello totale 85
Quota fondo 235
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso della grotta si apre quasi al fondo della vastissima valle chiusa a Nord di Monrupino ed è circondato da una macchia di noccioli e carpini.
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta è nota da tempo con i nomi di Rosiza o Scariza; le prime esplorazioni si erano limitate al pozzo iniziale ed alla breve galleria in parete; qui si apriva una fessura impenetrabile, che fu forzata con delle mine, scoprendo così gli altri due pozzi separati da una saletta occupata interamente da un profondo bacino d'acqua. La cavità si chiude con un budello strettissimo e fangoso, nel quale sono convogliate le acque assorbite dalla grotta durante le piogge.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 27-12-1925
Foto
Data dello scatto: 08-03-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Filiberto Pamela

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 08-03-2015

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Filiberto Pamela

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Descrizione inquadratura: Panoramica dell'ingresso
Data dello scatto: 08-03-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Filiberto Pamela

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 18-03-2011

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Podgornik Ferruccio

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Descrizione inquadratura: Ingresso nel prato
Data dello scatto: 18-03-2011

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Podgornik Ferruccio

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Descrizione inquadratura: Ingresso da vicino