Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4092 - Grotta di Sanguarzo

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta di Sanguarzo
Nome principale sloveno
Numero catasto 4092
Numero catasto storico 2314FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Cividale del Friuli
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067063 - Sanguarzo
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5108333,2
Longitudine Gauss-Boaga 2400630,9
Latitudine WGS-84 46° 7' 4,5279" (46,11792441)
Longitudine WGS-84 13° 27' 18,1854" (13,4550515)
Latitudine UTM WGS-84 5108310,0
Longitudine UTM WGS-84 380626,0
Quota ingresso 273
Data esecuzione posizione 05-06-2011
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1m x 1m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 7
Autore posizione Aviani Umberto
Gruppo appartenenza FJ - Associazione Speleologica Forum Julii Speleo
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 123
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 35
Dislivello totale 35
Quota fondo 238
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dal paese di Sanguarzo, frazione di Cividale, si prende la strada asfaltata che transita dapprima davanti al cimitero e poi procede in salita verso i ruderi del Castello di Guspergo. Poche centinaia di metri dopo aver superato la costruzione, la strada diventa sterrata. La si segue per una settantina di metri e, sul lato sinistro della carreggiata, si incontra l'ingresso della cavità, costituito da un pozzetto con una botola metallica chiusa a chiave.
Descrizione dei vani interni della cavità Da un ingresso piuttosto stretto, mediante una scala fissa metallica, si discende lungo un pozzo di circa sette metri riccamente concrezionato: qui è presente una grossa colonna calcitica alta quanto il pozzo stesso. Il pozzo successivo, di una dozzina di metri di profondità e largo fino a tre metri, piuttosto franoso, conduce all'inizio di un'ampia galleria che procede in direzione SW fino ad una strettoia La galleria ha una sezione longitudinale di 7 metri di larghezza ed è alta fino a 3metri. Il fondo della stessa è costituito da clasti di grandi dimensioni. Dalla base del pozzo di accesso, in direzione W, si apre un piccolo vano che poi si sviluppa parallelamente alla galleria principale ed anche una fessura impraticabile che prende la direzione W a sua volta. E' forse questa la parte della grotta più ricca di concrezioni di vario tipo (stalattiti, stalagmiti, colonne, stalattiti a vela, cannule), e dove, in periodi particolarmente piovosi, si forma una pozza d acqua.
Proseguendo in direzione opposta alla galleria maggiore, sempre partendo dalla base del salto di 12 metri, si trova un meandro che parte fra grossi massi di crollo e che ben presto diventa troppo stretto per essere percorso. All'inizio del meandro, in direzione E, si trova una stanzetta sovrastata da un ampio camino.
Tornando a descrivere il ramo principale, dopo la strettoia posta a metà circa della galleria (p.to 8 del rilievo), seguita da un saltino di un paio di metri, inizia un cunicolo in leggera discesa concrezionato a microgours e con un leggero scorrimento d'acqua sul fondo in periodi particolarmente piovosi. La galleria si apre su una stanzetta (in cui e possibile tornare nuovamente in posizione eretta), con la presenza di molte significative concrezioni, in particolare stalagmiti e cannule.
La cavità procede ancora in direzione SW per alcuni metri, stringendosi progressivamente fino ad una strettoia estremamente disagevole disostruita nel corso di lunghi lavori. E' questo il punto in cui si sono fermate le esplorazioni della metà degli anni ottanta e dove inizia il nuovo tratto rilevato nel 2002.
Passata la strozzatura, fra massi di crollo, si giunge alla base di un largo camino la cui altezza è stata stimata intorno alla ventina di metri. Un camino parallelo si diparte in direzione NW, alto come minimo dieci metri. Entrambi i camini non sono stati risaliti a causa dell'estrema instabilità della roccia.
Dalla base del camino principale, seguendo la direzione W, si risale lungo un meandro che conduce ad una stanzetta da cui si dipartono, sempre verso occidente, due meandri tra un intrico di massi di crollo. Questi cunicoli sono molto stretti e ben presto diventano impraticabili.
Da una strettoia ad un'estremità della stanza, invece, si accede ad un pozzo di 7,80 metri largo 1 metro, il cui piede comunica con il camino maggiore del tratto nuovo (punto 22 bis del rilievo).
l.a grotta è caratterizzata da una presenza massiccia di fango che ostacola non poco la progressione, soprattutto in corrispondenza delle strettoie. E' molto probabile che vi siano delle prosecuzioni nella parte terminale della cavità, considerando la complessità dei vani e la presenza di numerose fessure. Certo è che necessiterebbe un durissimo lavoro di disostruzione ben più arduo di quello già svolto.
l.a cavità è adibita a laboratorio sotterraneo per ricerche entomologiche e climatiche, e quindi, al suo interno, sono presenti delle scansie con terrari e strumentazioni. I primi due pozzi di accesso sono agevolmente discendibili con scale fìsse di metallo, posate all'inizio degli anni Novanta e l'ingresso è chiuso da una grata metallica con lucchetto. Le chiavi della grotta sono disponibili presso la sede del Centro Ricerche Carsiche "C Seppenhofer" di Gorizia, Via Diaz 13, Tel. 0481549250, e –mail seppenhofer@libero.it.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 06-04-2002
Foto
Data dello scatto: 05-06-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Aviani Umberto

Gruppo di appartenenza: FJ - Associazione Speleologica Forum Julii Speleo

Data dello scatto: 05-06-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Aviani Umberto

Gruppo di appartenenza: FJ - Associazione Speleologica Forum Julii Speleo