Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4091 - Meandro fra il Col delle Erbe ed il Bila Pec

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Meandro fra il Col delle Erbe ed il Bila Pec
Nome principale sloveno
Numero catasto 4091
Numero catasto storico 2313FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050024 - Stretti
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5137159,0
Longitudine Gauss-Boaga 2401078,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 38,4036" (46,37733432)
Longitudine WGS-84 13° 27' 12,852" (13,45357001)
Latitudine UTM WGS-84 5137135,3
Longitudine UTM WGS-84 381073,6
Quota ingresso 1880
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 45
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 1
Dislivello negativo 9
Dislivello totale 10
Quota fondo 1871
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Pozzo non disceso
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità s'apre sul fianco di una paretina attraversata da cengette sita tra il Col delle Erbe ed il Bila Pec, versante Raccolana. L'ingresso, stretto e seminascosto, è segnato con la sigla FDZ 5.
La cavità, probabilmente, era già stata visitata.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di uno stretto meandro percorso da un filo d'acqua spesso trasformata in ghiaccio. Il meandro è interrotto da due camini che forse sbucano nel pianoro soprastante e termina con una frana. A 34m dall'ingresso s'apre un pozzo, dall'imbocco per ora intransitabile, stimato profondo una cinquantina di metri.

NOTA
Al momento del rilevamento la presenza di ghiaccio lungo tutto il tratto ingresso-pozzo interno ha leggermente alterato la bussola (il liquido in cui è posto a bagno l'ago si è rappreso dando origine ad una grossa bolla d'aria), per cui la poligonale di questo tratto potrebbe non essere esatta.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 02-09-1984