Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4090 - Pozzo 1° dal Cret dal Landri

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 1° dal Cret dal Landri
Nome principale sloveno
Numero catasto 4090
Numero catasto storico 2312FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Attimis
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067014 - Forame
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5116438,2
Longitudine Gauss-Boaga 2392030,6
Latitudine WGS-84 46° 11' 21,4131" (46,18928143)
Longitudine WGS-84 13° 20' 29,7812" (13,34160588)
Latitudine UTM WGS-84 5116415,0
Longitudine UTM WGS-84 372026,0
Quota ingresso 425
Data esecuzione posizione 01-06-2012
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 2m x 1m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 13
Autore posizione Moro Paolo
Gruppo appartenenza ANF - Associazione Naturalistica Friulana
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 3.2
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 13
Dislivello totale 13
Quota fondo 412
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Da Borgo Salandri di Attimis ci si dirige verso il Cret dal Landri, lo si costeggia fino ad un rivolo e si risalgono le pendici del M.Scalutta per circa 200m allontanandosi dal Cret dal Landri in direzione W ed alzandosi di una quarantina di metri. L'ingresso s'apre tra un grosso albero e dei cespugli.
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta s'apre nella roccia piasentina con grana di 2-3mm. Il pozzo, a forma di campana, ha le pareti profondamente solcate e caratterizzate da spigoli vivi e lame di roccia; non vi sono però concrezioni. Il fondo del pozzo è formato da massi di varie dimensioni, pezzi di rami, foglie e terriccio. A circa 1m d'altezza dalla base s'apre una fessura parzialmente ostruita da un masso che immette in un'angusta saletta il cui soffitto, ed in parte le pareti, presentano alcune concrezioni non attive. Al termine della saletta c'è uno sprofondamento che potrebbe portare a qualche prosecuzione.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 29-04-1984
Foto
Data dello scatto: 01-06-2012

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Moro Paolo

Gruppo di appartenenza: ANF - Associazione Naturalistica Friulana

Data dello scatto: 01-06-2012

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Moro Paolo

Gruppo di appartenenza: ANF - Associazione Naturalistica Friulana