Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4081 - Et 5

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Et 5
Nome principale sloveno
Numero catasto 4081
Numero catasto storico 2303FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050023 - Monte Canin
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5136601,0
Longitudine Gauss-Boaga 2400366,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 19,8802" (46,37218894)
Longitudine WGS-84 13° 26' 40,0479" (13,44445776)
Latitudine UTM WGS-84 5136577,3
Longitudine UTM WGS-84 380361,6
Quota ingresso 1918
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 1056
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 726
Dislivello totale 726
Quota fondo 1192
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso, costituito da una cavernetta, è situato a SE della vetta di un cucuzzolo (quota IGM 1972) che sovrasta ad W l'Abisso E.Boegan (1361\555FR), al margine N di una depressione.

NOTA
La grotta è interessata da scarsa attività idrica anche in occasione di forti precipitazioni.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è costituita da una serie di pozzi intervallati da meandri, più o meno lunghi, caratterizzati da numerosi passaggi stretti; a -660m (P34) si diparte una condotta fossile che costituisce l'unica diramazione della cavità. La via del fondo, quindi, è facilmente individuabile.

Nonostante le esplorazioni si siano concluse nel 1984, vi sono ancora delle questioni in sospeso. Innanzitutto il corso d'acqua più consistente si disperde in una fessura impraticabile a -150m e non è più ritrovato (l'acqua che si ritrova più in basso ha una portata certamente inferiore). Poi, percorrendo la serie di pozzi da -200m a -400m, in occasione di abbondanti precipitazioni all'esterno, si sente, in lontananza, un notevole rombo di cascata che non è stata però mai individuata. Si consiglia perciò, ai futuri esploratori, di provare a prendere le finestre presenti lungo detti pozzi.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-12-1984