Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4051 - Abisso 3° a S del Monte Spric

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso 3° a S del Monte Spric
Nome principale sloveno
Numero catasto 4051
Numero catasto storico 2273FR
Numero totale ingressi 5

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050024 - Stretti
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5137738,0
Longitudine Gauss-Boaga 2400807,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 56,9838" (46,38249551)
Longitudine WGS-84 13° 26' 59,6406" (13,44990018)
Latitudine UTM WGS-84 5137714,3
Longitudine UTM WGS-84 380802,6
Quota ingresso 1820
Data esecuzione posizione 19-09-1987
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 12.8
Autore posizione Mikolic Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 190
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 121
Dislivello totale 121
Quota fondo 1699
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Pozzo non disceso
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità s'apre con più ingressi in una mughera non molto distante da alcuni campi solcati inclinati, nei pressi di un albero fulminato.
Descrizione dei vani interni della cavità Gli ingressi danno accesso a vari pozzi che si collegano sul fondo in una cavernetta. Da essa, tramite uno stretto passaggio si accede ad una successione di pozzetti che termina con un corridoio di una ventina di metri piuttosto stretto e caratterizzato da una notevole corrente d'aria. Al termine di questo la cavità prosegue in due direzioni: verso E con tre salti si giunge ad un comodo meandro concrezionato, verso W, invece, si prosegue per una serie di pozzi fino a giungere ad un P32 ampio in media 5 X 15m. Sul fondo di questo però non vi sono prosecuzioni. Scendendolo, invece, per circa 6m, ci si può immettere in una caverna laterale nella quale s'apre una verticale di 7m. In questo punto furono notati due pipistrelli. Alla base del P7 si diparte uno stretto meandrino che sprofonda in un pozzo stimato profondo circa 50m.
Nella caverna a -40 è stato sceso un pozzo laterale cieco con l'imbocco reso pericoloso dalla presenza di pietre instabili.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 19-09-1987