Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 404 - Caverna Vergine

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna Vergine
Nome principale sloveno
Numero catasto 404
Numero catasto storico 1063VG
Numero totale ingressi 2

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Monfalcone
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088152 - Monfalcone-Stazione
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5073934,6
Longitudine Gauss-Boaga 2406925,6
Latitudine WGS-84 45° 48' 34,2" (45,8095)
Longitudine WGS-84 13° 32' 40,6" (13,54461111)
Latitudine UTM WGS-84 5073911,9
Longitudine UTM WGS-84 386920,1
Quota ingresso 52
Data esecuzione posizione 27-03-2011
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Galleria
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Foschiatti Silvia
Gruppo appartenenza FANTE - Gruppo Speleologico Monfalconese Amici del Fante
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 68
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 17.7
Dislivello totale 17.7
Quota fondo 29.3
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata Si
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si trova a poca distanza dalla stazione ferroviaria di Monfalcone, in un sistema di trincee nel quale si apre anche la vicina Grotta dei Pipistrelli (128/224VG).
Descrizione dei vani interni della cavità I due imbocchi portano entrambi nella stessa sala e l'accesso è agevolato da alcune scalinate; numerosi manufatti in calcestruzzo testimoniano la funzione di ricovero militare che la grotta svolse all'inizio della guerra, allorchè le truppe italiane conquistarono i primi lembi del Carso.
La caverna venne scoperta casualmente durante lo scavo di una trincea, ma un tempo ebbe certamente un ingresso naturale e, infatti, su alcuni tratti della volta è visibile una marcata corrosione.
I militari collocarono, sul frontone del secondo ingresso, una lapide con un artistico fregio ed un'iscrizione che fu molto danneggiata nel corso successivo della guerra, al punto che oggi risultano leggibili soltanto le parole iniziali: "QUESTA CAVERNA VERGINE LA LUCE VIDE P..".
Rilievo Completo - Effettuato in data: 05-05-1968
Foto
Data dello scatto: 27-03-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Foschiatti Silvia

Gruppo di appartenenza: FANTE - Gruppo Speleologico Monfalconese Amici del Fante

Descrizione inquadratura: ingresso 1
Data dello scatto: 27-03-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Foschiatti Silvia

Gruppo di appartenenza: FANTE - Gruppo Speleologico Monfalconese Amici del Fante

Descrizione inquadratura: Ingresso 2
Data dello scatto: 27-03-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Foschiatti Silvia

Gruppo di appartenenza: FANTE - Gruppo Speleologico Monfalconese Amici del Fante

Descrizione inquadratura: targhetta ingresso 2
Tipo inquadratura: Ingresso

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Tipo inquadratura: Interno

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Descrizione inquadratura: Vista dell'ingresso dall'interno.
Tipo inquadratura: Ingresso

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Descrizione inquadratura: Scritte storiche.