Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4029 - Pozzo 2° a N della Forchia di Terra Rossa

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 2° a N della Forchia di Terra Rossa
Nome principale sloveno
Numero catasto 4029
Numero catasto storico 2251FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050011 - Monte Sart
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5137190,0
Longitudine Gauss-Boaga 2397916,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 37,3813" (46,37705035)
Longitudine WGS-84 13° 24' 44,8638" (13,41246218)
Latitudine UTM WGS-84 5137166,3
Longitudine UTM WGS-84 377911,7
Quota ingresso 2035
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 113
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 87
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 113
Dislivello totale 113
Quota fondo 1922
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Piccolo pertugio seminascosto da detriti che s'apre sul fondo di uno sprofondamento sito all'incrocio di due notevoli fratture che percorrono i tavolati posti a SE del Monte Sart.
Descrizione dei vani interni della cavità Il modesto imbocco permette di scendere subito per un comodo pozzo che, ad una ventina di metri di profondità, comunica attraverso due ampie finestre con due brevi gallerie scavate nel ghiaccio e particolarmente adorne di colonne e stalattiti. Continuando invece la discesa, si attraversa uno stretto budello nella neve che porta ad una strettoia, spesso occlusa dal ghiaccio, oltre alla quale s'apre la grande verticale che costituisce la cavità. Sul fondo, un notevole tappo di neve e ghiaccio, impedisce ogni prosecuzione.
La discesa nella cavità è pericolosa per la notevole quantità di ghiaccio in equilibrio precario.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 21-08-1983