Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3982 - Grotta degli Stavoli Pra di Steppa

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta degli Stavoli Pra di Steppa
Nome principale sloveno
Numero catasto 3982
Numero catasto storico 2204FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Udine
Comune Trasaghis
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049094 - Stalli Chian da Forchia
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5127922,5
Longitudine Gauss-Boaga 2367106,9
Latitudine WGS-84 46° 17' 14,7823" (46,28743953)
Longitudine WGS-84 13° 0' 54,3232" (13,01508979)
Latitudine UTM WGS-84 5127899,5
Longitudine UTM WGS-84 347103,0
Quota ingresso 793
Data esecuzione posizione 19-11-2015
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0.3 m
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 2
Autore posizione Tommasoni Lorenzo
Gruppo appartenenza Regione FVG Servizio Paesaggio - Regione FVG Servizio Paesaggio
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 545
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 85
Dislivello totale 85
Quota fondo 708
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta s'apre al margine di un vasto Karren sito a circa 15m, sulla destra, dal sentiero che va dai Stavoli Grignès ai Stavoli Prà di Steppa, a circa 300m dal termine della strada asfaltata. L'ingresso, piuttosto angusto, s'apre tra massi.
Descrizione dei vani interni della cavità Un breve salto di 2m porta ad una piccola cavernetta sul fondo della quale, tra massi in equilibrio precario, c'è l'imbocco del P15. Dopo circa 4-5m si trova un'ampia finestra che dà su un pozzo parallelo (conviene scendere questo evitando il pozzo principale che scarica). Sul fondo (praticamente comune per i due pozzi) si sviluppa un'ampia caverna in salita che, nel punto più basso, presenta uno stretto cunicolo che porta ad un P4,5. Alla base di questo si diparte una stretta galleria inclinata che giunge ad una seconda caverna ingombra di massi di crollo. Sul lato sinistro c'è un passaggio che dà su un basso cunicolo; questo arriva in caverna dove, dall'alto, scende un modesto rivolo d'acqua che si perde tra i massi. Da qui si prosegue scendendo un P3,7 oltre al quale si giunge in una galleria in discesa che a tratti s'allarga a formare delle piccole caverne. Sul fondo s'apre un P7 alla base del quale c'è un trivio.
Il ramo a destra porta ad una risalita che dà su due caverne sovrapposte la superiore delle quali è di dimensioni ragguardevoli.
Il ramo centrale è percorso da uno scivolo d'acqua che ben presto diviene impraticabile; probabilmente comunica a valle con il ramo di sinistra.
Il ramo di sinistra è costituito da una bassa galleria (si procede strisciando), lunga una settantina di metri, che porta ad alcuni salti. Qui c'è un arrivo d'acqua, probabilmente lo stesso che sparisce nel ramo centrale del trivio. Da qui, si continua superando una fessura oltre la quale si giunge ad una sala (16 X 14m) nel cui centro s'apre un pozzetto per lo più ostruito da materiale di frana. Sulla parete E, invece, c'è un passaggio che porta ad una saletta dalla quale si diparte una galleria piuttosto bassa, lungo una cinquantina di metri e caratterizzata da evidenti segni di sifonamento. Terminata questa si giunge in un ambiente lungo una decina di metri con il fondo piano e costituito da sabbia; qui esiste un arrivo intransitabile. Continuando verso il fondo si prosegue lungo una china di sabbia e ghiaia fine che porta ad un P5, levigato a specchio, alla base del quale vi sono alcune prosecuzioni molto e strette e ben presto impraticabili.
Nell'ultimo tratto della cavità c'è un piccolo arrivo d'acqua che sparisce nelle fessure impraticabili; l'aria è quasi assente.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-01-1990
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso

Data dello scatto: 30-05-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Fabro David

Gruppo di appartenenza: FJ - Associazione Speleologica Forum Julii Speleo

Data dello scatto: 30-05-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Fabro David

Gruppo di appartenenza: FJ - Associazione Speleologica Forum Julii Speleo