Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3966 - Grotta dei Massi

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta dei Massi
Nome principale sloveno
Numero catasto 3966
Numero catasto storico 5259VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110054 - Santa Croce di Trieste
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5066278,0
Longitudine Gauss-Boaga 2417945,0
Latitudine WGS-84 45° 44' 32,355" (45,74232083)
Longitudine WGS-84 13° 41' 16,8314" (13,68800871)
Latitudine UTM WGS-84 5066255,2
Longitudine UTM WGS-84 397939,1
Quota ingresso 172
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 18
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 12
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 27
Dislivello totale 27
Quota fondo 145
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità s'apre in un affioramento roccioso sull'orlo di una piccola dolina.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità s'apre con un P18 interrotto a circa 10m di profondità da un esiguo terrazzo formato da pietre e massi. Il pozzo si sviluppa in una diaclasi orientata N-S e presenta una marcata erosione; tutta la discesa risulta pericolosa per la presenza di pietre instabili. Alla base si raggiunge un modesto ambiente, occupato nel mezzo da un macigno poderoso, che è sovrastato da un camino. Questo presenta a 4,5m dal suolo una finestra che dà su una cavernetta (unico vano della grotta completamente calcificato), mentre proseguendo s'intravede uno sbocco con l'esterno. Sotto il macigno sprofonda, in mezzo alle pietre, un pozzo verticale di 9m. Continuando in direzione SW, invece, si raggiunge un breve cunicolo semicalcificato, alto tre metri, al termine del quale si trova un salto di 2m da superare in arrampicata. Da qui si continua scendendo un P12 che inizialmente risulta calcificato poi, verso il fondo, eroso. Vi sono inoltre due nicchie in parete, abbellite dalla presenza di concrezioni.

NOTA
Tutta la cavità è da considerarsi pericolosa per i numerosi massi instabili.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 18-09-1983