Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3951 - Grotta della Zappa

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta della Zappa
Nome principale sloveno
Numero catasto 3951
Numero catasto storico 5244VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110054 - Santa Croce di Trieste
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5066934,0
Longitudine Gauss-Boaga 2417437,0
Latitudine WGS-84 45° 44' 53,3349" (45,74814857)
Longitudine WGS-84 13° 40' 52,8289" (13,68134137)
Latitudine UTM WGS-84 5066911,2
Longitudine UTM WGS-84 397431,2
Quota ingresso 150
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 2
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 24
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 7.5
Dislivello totale 7.5
Quota fondo 142.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta s'apre sul margine S di una dolina di medie proporzioni situata ad una cinquantina di metri ad W del cavalcavia autostradale Aurisina-San Pelagio.
Descrizione dei vani interni della cavità Un salto di 2m dà accesso ad una galleria caratterizzata da forme mature e senili rappresentate da un forte concrezionamento e crostoni pensili che, nella parte mediana, dividono la cavità in tre livelli. Sono pure presenti, sulle volte delle cavernette, opere di dissoluzione recenti che hanno asportato il velo calcitico e arrotondato le cupole sommitali. Il suolo della grotta è costituito da un potente banco di argilla asciutta dove poggiano i detriti di crollo. Nella parte terminale si nota un evidente solchetto scavato nell'argilla che permette il drenaggio delle acque d'infiltrazione interessanti occasionalmente la cavità.

NOTA
Durante la prima visita, nella parte iniziale, è venuta alla luce una vecchia zappa.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 02-07-1983