Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3934 - Cavernetta del Gatto Morto

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Cavernetta del Gatto Morto
Nome principale sloveno
Numero catasto 3934
Numero catasto storico 5227VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5062349,0
Longitudine Gauss-Boaga 2427376,0
Latitudine WGS-84 45° 42' 29,8489" (45,70829135)
Longitudine WGS-84 13° 48' 35,8723" (13,80996452)
Latitudine UTM WGS-84 5062326,1
Longitudine UTM WGS-84 407369,9
Quota ingresso 318
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 8
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 2
Dislivello totale 2
Quota fondo 316
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità s'apre quasi al bordo di un'ampia dolina sita ad una decina di metri dal sentiero che dalla provinciale Opicina-Monrupino porta a Fernetti. Nei pressi dell'ingresso si notano due piccoli muretti a secco eretti con le pietre estratte dal primo tratto della cavità che ne risultava quasi completamente ostruita.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è costituita da un vano in discesa che porta, dopo un marcato restringimento, in un basso cunicolo orientato in direzione E-W. Il ramo W, troppo angusto per essere percorso, si dirige verso il fondo della dolina. L'altro, dopo poco più di un metro, s'allarga e si dirige verso NNE. Colate di concrezione e sassi, sul fondo, impediscono ogni ulteriore prosecuzione. Sulla parete N è possibile osservare la scritta GSO, scalpellata da ignoti e che probabilmente indica il Gruppo Speleologico Opicina.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 13-02-1983