Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3920 - Pozzetto presso Fernetti

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzetto presso Fernetti
Nome principale sloveno
Numero catasto 3920
Numero catasto storico 5213VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5060949,0
Longitudine Gauss-Boaga 2427052,0
Latitudine WGS-84 45° 41' 44,3392" (45,69564978)
Longitudine WGS-84 13° 48' 21,8554" (13,80607094)
Latitudine UTM WGS-84 5060926,1
Longitudine UTM WGS-84 407045,9
Quota ingresso 310
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 8.5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 1.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 9
Dislivello totale 9
Quota fondo 301
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'esiguo ingresso della cavità s'apre ad otto metri da una profonda e dirupata dolina. Un piccolo muro di pietre, estratte dalla cavità durante gli scavi di allargamento, si erge a mezzo metro dall'imbocco.
Descrizione dei vani interni della cavità Pozzo dalla sezione vagamente subcircolare impostato su una frattura che si sviluppa in direzione NNE-SSW. La discesa nella cavità è resa penosa dalla presenza a 4-5m di profondità di alcuni restringimenti; la parete che non è toccata durante la discesa è solida e graziosamente concrezionata.
La temperatura esterna, alle ore 9.30, era di 0,5°C, all'ingresso di 4,0°C e sul fondo di 11.5°C.
La cavità è stata scoperta da Roberto Prelli. Il gruppo scavatori era composto da: Prelli, Savi, Guidi, Bone e Zolle.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 02-01-1983