Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3866 - Cunicolo a due ingressi nella Forra

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Cunicolo a due ingressi nella Forra
Nome principale sloveno
Numero catasto 3866
Numero catasto storico 2146FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Clauzetto
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048151 - Clauzetto
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5123605,0
Longitudine Gauss-Boaga 2357083,0
Latitudine WGS-84 46° 14' 46,602" (46,24627833)
Longitudine WGS-84 12° 53' 11,5484" (12,88654121)
Latitudine UTM WGS-84 5123582,2
Longitudine UTM WGS-84 337079,1
Quota ingresso 490
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 36
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 4
Dislivello negativo
Dislivello totale 4
Quota fondo 490
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità s'apre di fronte alla Caverna nella parete W del Torrente Cosa (3970\238FR), a pochi metri dal ponte, posto nell'Orrido Bianchini, che porta alle grotte turistiche della Forra. L'ingresso s'apre 2m sotto il Torrente Cosa ed è costituito da una cavernetta dalla quale esce una piccola sorgente.
Descrizione dei vani interni della cavità Cunicolo che si sviluppa in salita, molto stretto, con il suolo cosparso di ghiaia. Dopo una trentina di metri si sbuca nuovamente all'aperto.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 30-03-1983