Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 381 - Caverna a N di Trebiciano

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna a N di Trebiciano
Nome principale sloveno
Numero catasto 381
Numero catasto storico 1328VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5059280,0
Longitudine Gauss-Boaga 2428550,0
Latitudine WGS-84 45° 40' 50,988" (45,68083001)
Longitudine WGS-84 13° 49' 32,2366" (13,82562127)
Latitudine UTM WGS-84 5059257,1
Longitudine UTM WGS-84 408543,8
Quota ingresso 327
Data esecuzione posizione 09-11-2000
Affidabilità posizione 2° gruppo riposizionamento regionale GPS (2000)
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 5m x 5m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 37
Autore posizione Manzoni Marco
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 37
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 47
Dislivello totale 47
Quota fondo 280
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre al margine di una dolina, a circa 100m dalla strada Trebiciano-Orle, con un ingresso che è stato quasi completamente coperto con grandi lastre di roccia.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo d'accesso ha le pareti fangose e stillanti e termina alla sommità di un'erta china di detriti e argilla che porta in una galleria dalla volta irregolare. Dopo una strozzatura si apre una caverna, adorna di belle concrezioni calcitiche, con la quale termina la cavità.
Nel 1977 il GSSG ha scoperto, prima della strozzatura sopra citata, due fori in parete, che permettono l'accesso ad un camino alto 12,5m e largo al massimo 3 x 4m. Un foro è facilmente raggiungibile, ma è molto stretto, mentre l'altro, pur essendo più largo, è accessibile solamente con un'arrampicata piuttosto difficile.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 17-03-1977
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Slama Piero

Gruppo di appartenenza: SAS - Società Adriatica di Speleologia

Data dello scatto: 22-09-2013

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Slama Piero

Gruppo di appartenenza: SAS - Società Adriatica di Speleologia

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Manzoni Marco

Gruppo di appartenenza: RIP.REG. - Riposizionamento Regionale