Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 376 - Pozzo 2° a NW di Gropada

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 2° a NW di Gropada
Nome principale sloveno
Numero catasto 376
Numero catasto storico 857VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110114 - Monte Franco
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5058741,0
Longitudine Gauss-Boaga 2429427,0
Latitudine WGS-84 45° 40' 33,9409" (45,6760947)
Longitudine WGS-84 13° 50' 13,1301" (13,83698058)
Latitudine UTM WGS-84 5058718,1
Longitudine UTM WGS-84 409420,8
Quota ingresso 379
Data esecuzione posizione 31-08-2001
Affidabilità posizione 3° gruppo riposizionamento regionale GPS (2001)
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Restaino Marco
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Autore posizione Manzoni Marco
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 222
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 7
Dislivello negativo 58
Dislivello totale 65
Quota fondo 321
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso di questa interessante cavità s'apre sul lato SE di una dolina di medie dimensioni ed è facilmente raggiungibile con una traccia di sentiero che inizia presso un bivio della carrareccia che da Trebiciano porta verso il Monte Franco.
Descrizione dei vani interni della cavità Il piccolo portale immette subito in una grande galleria in discesa dal suolo detritico. Dopo una ventina di metri le dimensioni aumentano e la volta raggiunge quasi 8 metri. Sulla sinistra si può visitare un ramo in lieve salita lungo m 15, proseguendo dritti in breve si perviene ad uno scivolo di 15 metri, inclinato a 45°, che conviene scendere con l'ausilio di una corda. Alla base dello scivolo ci si trova in una caverna in gran parte occupata da tre poderosi gruppi colonnari. Nel punto più depresso della caverna si estende un breve cunicolo che termina con detriti. Risalendo invece a fianco delle colonne s'incontra la prosecuzione costituita da un pozzo ben concrezionato che si sviluppa a campana. Giungendo dietro alle colonne si può effettuare una breve arrampicata di m 8 (II) per raggiungere una piccola cavernetta ben concrezionata e visitare un pozzo cieco di m 6,5. Scendendo il pozzo a campana, dopo un primo tratto verticale di m 12,5, si giunge su un ripiano con una bella stalagmite, ove s'apre un ramo scoperto nel 1968. Continuando a scendere, dopo un tratto in lieve pendenza ed un altro quasi verticale di m 9,5, si giunge alla base del pozzo, costituita da una caverna dal suolo detritico. Superato un portale in lieve salita, ci si trova in una seconda caverna alta circa 13 metri. Successivamente il suolo ridiscende e oltre un passaggio basso si perviene in una terza sala alta m 10.
Il ramo scoperto nel 1968 si sviluppa con uno stretto cunicolo discendente che immette in un pozzo ben concrezionato di m 14,5. Alla profondità di 4 metri esso si sdoppia e non si può scendere direttamente, ma occorre spostarsi con un passaggio un po' atletico nel vano parallelo. Alla base del pozzo si possono scendere dei pozzetti, allargati con lavoro di scavo, che portano ad un primo fondo a m 56. A metà pozzo invece, raggiungendo una soglia laterale, si scende in una serie di pozzetti che conducono ad un secondo fondo alla profondità di m 58. Quest'ultimo è pure raggiungibile percorrendo un cunicolo ed un successivo pozzetto che si sviluppano alla base del salto di m 9,5 del ramo principale.
Un breve ramo è stato esplorato effettuando una traversata lungo il tratto verticale di m 12,5. Dopo averlo sceso per m 5, si inizia ad arrampicare in orizzontale e poi in lieve discesa sulla sinistra, usufruendo di una serie di numerose colonnine. Dopo una decina di metri si raggiunge una finestra caratterizzata da una bella colonna; oltre ad essa si sviluppa una cavernetta ascendente lunga quasi m 5.
Un'altra arrampicata effettuata nel primo tratto della grotta ha permesso di individuare un nuovo ramo che si sviluppa al di sopra della galleria principale. Anziché scendere lungo lo scivolo, ci si mantiene sul lato destro della galleria e si inizia a salire un tratto abbastanza verticale di circa 8 metri, spostandosi da sinistra a destra (IV). Si giunge sopra un grosso ponte naturale e si risale un tratto più facile (II) per altri 6 metri, in un ampio vano ben concrezionato. Ci si immette così in una galleria che torna indietro parallelamente al ramo principale. Dopo un tratto un po' basso di 6 metri si ha un'interruzione con un pozzo che si ricollega alla caverna sottostante. Un'attraversata in arrampicata artificiale ha permesso di raggiungere un'ultima cavernetta ascendente che termina ad una profondità positiva di 7 metri rispetto all'ingresso.
Rilievo Completo - Aggiornamento rilievo - 1:400 - Effettuato in data: 31-12-2001
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso