Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3730 - Grotta della Frana

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta della Frana
Nome principale sloveno
Numero catasto 3730
Numero catasto storico 5207VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110052 - Prosecco
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5063409,0
Longitudine Gauss-Boaga 2421640,0
Latitudine WGS-84 45° 43' 1,3416" (45,71703932)
Longitudine WGS-84 13° 44' 9,8776" (13,7360771)
Latitudine UTM WGS-84 5063386,2
Longitudine UTM WGS-84 401634,0
Quota ingresso 233
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 20
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 22
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 22.5
Dislivello totale 22.5
Quota fondo 210.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso s'apre sul ciglio di una profonda dolina, al limite di un'estesa pietraia.
Descrizione dei vani interni della cavità Il primo pozzo (P20) s'allarga dopo pochi metri di discesa e prosegue verticale fino alla base; qui si sviluppa una caverna, alta 10m, che presenta la stessa direzione, NW-SE, della diaclasi ove s'apre il pozzo. Il fondo è costituito da una china detritica lunga 5m e da un tratto pianeggiante. Nella parte mediana e terminale si ha una larghezza massima di 2,6m. Alla fine della caverna s'incontra una colata calcitica che s'innalza per quasi 8m; alla sommità si giunge in un ambiente calcificato e concrezionato. Qui la diaclasi principale s'innesta su un'altra orientata NNE-SSW, nella quale tale ambiente si prolunga per 2,5m. Si prosegue salendo la parete per 6m e si giunge in un vano alto 5m, lungo 2m e largo poco più di 1m. In parete, a 1,5m dal suolo, s'apre un passaggio che è stato allargato e che dà su pozzo (P11) che s'allunga in direzione SE per 2,5m. Alla base di questo si giunge su un ripiano semicircolare (70cm) dal quale, in direzione S, si diparte un prolungamento del pozzo che termina dopo 2m con un piccolo vano alto 1,5m. L'ambiente è calcificato e concrezionato. Da ambedue i lati del ripiano sprofondano due pozzetti strettissimi di circa 3m.

NOTA SULLA POSIZIONE DEL 20/08/2006:
durante il riposizionamento 2006 è stata individuata, ma è si ritiene sia ostruita
Rilievo Completo - Effettuato in data: 06-03-1982