Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3686 - Inghiottitoio a SW del Col dell'Agnello

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Inghiottitoio a SW del Col dell'Agnello
Nome principale sloveno
Numero catasto 3686
Numero catasto storico 5163VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110023 - Col dell’Agnello
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5067350,9
Longitudine Gauss-Boaga 2423524,9
Latitudine WGS-84 45° 45' 9,9924" (45,75277568)
Longitudine WGS-84 13° 45' 34,223" (13,75950638)
Latitudine UTM WGS-84 5067328,0
Longitudine UTM WGS-84 403519,0
Quota ingresso 363
Data esecuzione posizione 03-11-2011
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1,5 x 1,5 m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5.5
Autore posizione Benedetti Gianni
Gruppo appartenenza GTS - Gruppo Triestino Speleologi
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 16
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 7
Dislivello totale 7
Quota fondo 356
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si trova a breve distanza dalla Grotta a SW del Col dell'Agnello (4484\5443VG), sul fondo di uno sprofondamento che raccoglie le acque di una vasta zona. Al momento dell'individuazione l'ingresso era agibile e da esso proveniva una sensibile corrente d'aria.
Secondo un contadino del luogo, l'ingresso si dev'essere aperto di recente, in seguito ad abbondanti piogge.
Descrizione dei vani interni della cavità Alla base del salto iniziale, reso pericoloso dai massi instabili, si diparte una galleria uniforme, interessata da depositi di fango.
Alla massima profondità si scorge il punto in cui, in caso di pioggia, viene assorbita l'acqua.
03/11/2011-GTS-L'ingresso ha subito modifiche naturali in quanto si apre nella terra. La discesa può risultare pericolosa a causa di possibili cedimenti delle pareti
del pozzo. Anche il fondo della cavità, a seguito di scavi e dell'azione dell'acqua, ha subito modificazioni e risulta più profondo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 09-05-1981
Foto
Data dello scatto: 03-11-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 03-11-2011

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 03-11-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi