Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3673 - Grotta Venti Colpi

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta Venti Colpi
Nome principale sloveno
Numero catasto 3673
Numero catasto storico 5150VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110051 - Sgonico
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5064755,0
Longitudine Gauss-Boaga 2420472,0
Latitudine WGS-84 45° 43' 44,3436" (45,72898432)
Longitudine WGS-84 13° 43' 14,8696" (13,72079711)
Latitudine UTM WGS-84 5064732,2
Longitudine UTM WGS-84 400466,1
Quota ingresso 215
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 9
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 16
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 20
Dislivello totale 20
Quota fondo 195
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso si trova ai margini di una dolina situata in un bosco di querce.
Descrizione dei vani interni della cavità Dopo una strozzatura iniziale il primo pozzo, calcificato, s'allarga subito; la verticalità è interrotta a 4,5m di profondità da un ripido e breve scivolo detritico oltre il quale si prosegue toccando pietre e massi parzialmente calcificati. Lungo il pozzo vi sono due nicchie laterali parallele all'asse principale del pozzo; quest'ultimo sfocia in una modesta caverna calcificata ostruita, verso il fondo, da un grande masso. Sul lato sinistro, in direzione SE, s'apre nella parete, a livello del terreno, una fessura alta 60cm, lunga 90cm e larga dai 30 ai 40cm. Superatala, si entra in un ambiente totalmente calcificato, largo in media 40cm, che si sviluppa lungo una diaclasi orientata SE. Subito sotto l'uscita della strettoia c'è un pozzo cieco di 4,5m mentre dirimpetto, innalzandosi circa 2m, ci si inoltra nella diaclasi. Da qui si prosegue qualche metro e, dopo aver superato due faticose strettoie si giunge all'imbocco di un pozzo (P8,7) che sprofonda verticale, calcificato e semicircolare. Questo arriva in una piccola caverna, dal suolo pianeggiante e ricoperto da detriti, oltre la quale s'apre l'ultimo salto (P2,5), piuttosto stretto, che porta in un vano basso ed angusto; sul fondo di questo c'è una fessura, impraticabile, sondata per qualche metro.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 08-11-1981